Sicilia, turismo: i dati di Global Blue sul tax free shopping nella Regione nel 2018

Print Friendly, PDF & Email

Roma.  Nel 2018, secondo i dati Global Blue, in Sicilia il Tax Free Shopping ha evidenziato una leggera crescita (+2%) rispetto all’anno precedente. La Regione è stata apprezzata particolarmente dai cinesi: prima nazionalità per acquisti tax free con un peso del 25% seguiti dai russi (21%) e dagli statunitensi (14% ).  È sempre dei turisti cinesi lo scontrino medio più alto: 1.200 euro, è stato pari a 856 euro quello degli americani e a 390 euro quello dei russi.


Se si guarda, poi, alle diverse aree della Regione, nel 2018 i turisti extra UE hanno effettuato il 29% del loro shopping tax free a Palermo, provincia a cui segue Messina con il 28% (dato nel quale rientra anche la città di Taormina) ed Enna con il 27%. Infine, secondo i dati Global Blue, nel 2018 Taormina ha riportato una flessione delle vendite tax free (-10%), ma già i dati dei primi mesi del 2019 hanno evidenziato un’inversione di tendenza, che ci aspettiamo dovrebbe consolidarsi ulteriormente con l’arrivo della stagione estiva.

La Sicilia ha tutti i numeri per divenire una delle mete insostituibili di un mercato turistico internazionale che registra costantemente grandi incrementi nei flussi di traffico. In questo contesto Taormina è insieme alle Eolie tappa preferita dei viaggiatori che giungono nella provincia di Messina e tra le principali dell’intera Isola, perpetuando una fama internazionale riconosciuta da tempo. 

Queste alcune delle considerazioni di Marcello Giacone Capo di Gabinetto dell’Assessorato al Turismo della Regione Siciliana che è intervenuto al convegno regionale organizzato da ACT, l’Associazione Commercianti Taormina,  che si è svolto nel Palazzo Duchi di Santo Stefano.  “È un panorama di luci e ombre quello che connota gli arrivi e le presenze in questa splendida realtà, e questo ancora di più se si osserva la drastica diminuzione dei numeri passando dai mesi estivi alle altre stagioni – ha continuato Giacone –. Taormina quindi rappresenta il paradigma di quei successi e contraddizioni che contraddistinguono la Sicilia come destinazione internazionale del turismo, e con i quali il Governo Regionale si confronta giornalmente per individuare strumenti e strategie di successo”.

Il Capo di Gabinetto dell’Assessorato regionale al Turismo ha evidenziato come “destagionalizzazione, l’affermazione orgogliosa della propria identità culturale come obiettivo strategico nel promuovere il territorio, un’offerta enogastronomica sempre più di qualità, proposte di visita integrata del territorio, un calendario di eventi di eccellenza che individui una gamma articolata di luoghi di svolgimento scelti tra le emergenze artistiche e monumentali sono alcuni dei punti programmatici che il Governo Regionale ha individuato per trasformare la Sicilia in meta turistica di eccellenza, in grado di competere con forza nei mercati internazionali”.

In apertura dei lavori il presidente di Act Nino Scandurra ha ricordato l’assessore ai Beni Culturali della Regione Siciliana Sebastiano Tusa, scomparso recentemente nel tragico incidente aereo in Etiopia. Scandurra e il suo vice Pietro D’Agostino hanno, con amarezza,  sottolineato che l’ottanta per cento degli esercizi commerciali da novembre 2018 a marzo 2019 sono rimasti chiusi. “Crediamo che gli eventi organizzati nel periodo estivo, spesso in eccedenza potrebbero essere spalmati nell’arco dell’anno. Pensiamo, inoltre, alla possibilità di rilasciare autorizzazioni per luglio, agosto e settembre solo se si affiancano altri eventi tra novembre e marzo. Inoltre, è necessario individuare da subito la data di emanazione del bando per la gestione del Palazzo dei Congressi. Per la nostra città, nuovi scenari si aprono grazie ai nuovi assetti nel mondo alberghiero, è indispensabile cogliere l’opportunità. Speriamo, infine, che le istituzioni possano trovare al più presto giuste soluzioni per far sì che Taormina rimanga  Perla dello Jonio”.

Per il sindaco di Taormina Mario Bolognari Taormina è una destinazione turistica matura, che ha totalizzato un milione e centocinquantamila presenze nel 2018.È necessario – ha detto-, per un progetto di miglioramento qualitativo del turismo, allargare la stagione di flusso, espandere la parte di territorio dedicato alla ricettività e ai servizi, elevare la qualità dei servizi offerti- ha detto il primo cittadino”.

Per raggiungere questi obiettivi l’Amministrazione di Taormina sta puntando su attività culturali permanenti, convenzioni per un partenariato pubblico-privato per la gestione dei beni artistici e culturali, un’offerta di spettacoli coerente con i luoghi deputati per queste attività, come il Teatro Antico.

ZTL, viabilità alternativa, raccolta differenziata, eliminazione della plastica, la messa in sicurezza dei percorsi pedonali e di penetrazione agricola e altre iniziative per la salvaguardia dell’ambiente sono parte di questo progetto. Se pienamente realizzato- ha concluso-questo progetto dovrebbe consentire uno sviluppo sia quantitativo, sia qualitativo del flusso turistico in città”.

Prima di tutto desidero ringraziare l’Associazione Commercianti Taormina per avermi dato l’opportunità di essere qui oggi”  – ha sottolineato Antonella Bertossi, Partner Relationships & Marketing Manager di Global Blue Italia. – “Nel 2018, secondo i dati Global Blue, in Sicilia il Tax Free Shopping ha evidenziato una leggera crescita (+2%) rispetto all’anno precedente”.

Fonte: Global Blue

Potrebbe interessarti:

 Al Palazzo Reale di Milano in mostra la natura per celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti