TourismA 2019: Successo per il modello Barumini di gestione dei siti Unesco

Print Friendly, PDF & Email


Roma. Si è tenuta a Firenze al Palazzo dei Congressi dal 22 al 24 febbraio l’edizione 2019 di TourismA . La tre giorni dedicata all’archeologia e al turismo culturale, ricca di convegni, laboratori didattici, workshop, mostre e spazi espositivi con al centro le bellezze storico-culturali della Sardegna.


A portare la sua esperienza di gestione di uno dei siti più importanti del Mediterraneo, all’appuntamento di Firenze, è stata la Fondazione Barumini sistema Cultura che nel tempo ha saputo ampliare il ventaglio dell’offerta culturale sviluppando un progetto di rete che ha permesso di inglobare anche il Polo Museale “Casa Zapata”, del “Centro di Comunicazione e Promozione del Patrimonio Giovanni Lilliu”, e della Scuola di Scavo e Restauro Archeologico.

E nello spazio espositivo dedicato a Barumini sono stati centinaia i visitatori che si sono avvicinati per ammirare le bellezze del territorio e conoscere da vicino il lavoro della Fondazione che punta a rafforzare il concetto di “sistema” fortemente voluto come parte integrante della sua denominazione. Un’attività di tutela, conservazione, accoglienza e visita guidata ai siti alla quale è stata integrata l’offerta culturale attraverso la realizzazione di mostre, eventi, manifestazioni, laboratori didattici, attività di studio, ricerca e divulgazione, e differenti attività di promozione turistica, a livello regionale, nazionale ed internazionale, che coinvolgono non solo Barumini ma anche il suo territorio.

L’enorme potenziale ricaduta in termini culturali ed economici che il turismo può generare su piccole realtà, e che le amministrazioni pubbliche hanno il dovere di intravvedere, cogliere e tradurre in termini concreti, ha prodotto già importanti risultati con la nostra Fondazione – dice nel suo messaggio portato a TourismA il sindaco di Barumini, Emanuele Lilliu – a oltre 10 anni dalla sua costituzione la Fondazione ha all’attivo un bilancio più che positivo, rivelandosi nel tempo un modello di gestione del patrimonio culturale evoluto e razionale, diventata la più importante realtà aziendale sarda fondata sul Turismo Culturale“.

Fonte: Fondazione Barumini Sistema Cultura

Potrebbe interessarti:

 Napoli omaggia l’arte di Chagall

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti