Napoli, l’Università del Gusto e dei Saperi intitolata al pasticcere Antonio Castaldo

Print Friendly, PDF & Email
università del gusto e dei saperi

 

 


Napoli, 30 marzo 2019. Università del gusto e dei saperi intitolata ad Antonio Castaldo il laboratorio della pasticceria tradizionale napoletana.


L’Università del Gusto e dei Saperi per l’alta formazione professionale, che punta a essere la più grande scuola gastronomica del Sud, ha intitolato il laboratorio della Pasticceria Tradizionale Napoletana allo storico esponente già Presidente dell’Associazione Pasticcieri Napoletani, Antonio Castaldo, scomparso prematuramente nel 2017.  A officiare l’iniziativa, l’arcivescovo metropolita di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe che con il suo Portavoce, Rosario Piscopo, ha visitato la struttura.

Con il Presidente della Camera di Commercio di Napoli Ciro Fiola, che ha presenziato all’evento, erano presenti tra glia altri il figlio di Antonio Giampiero Castaldo e i maestri pasticcieri, Luigi Avolio, Ciro Di Gesta, Sabatino Sirica, Roberto Palladino e tanti altri operatori anche giovani, che partecipano alla formazione e apprendimento delle metodiche di preparazione molto care ad Antonio. Antonio Castaldo, rappresentante storico della pasticceria napoletana, fondatore dell’associazione di categoria che presiedeva.

Titolare di un vero e proprio tempio per golosi, la pasticceria Charlot, nel centro di Cardito (NA), dove era una specie d’istituzione, benvoluto e stimato da tutti, generoso e innovativo. A lui il merito di aver ricompattato la categoria napoletana. Antonio era sicuramente tra gli artefici principali del riconoscimento artigianale della professione di pasticciere e mai titolo fu più appropriato per la mole di lavoro e impegno per la formazione di tanti giovani che oggi, grazie alle indicazioni e insegnamenti di Antonio, sono diventati tra i più esperti e bravi della nostra città e di tutta la regione. Antonio, un Maestro pasticcere che ha regalato a tanti momenti di piacere con i suoi dolci, lavorando notte e giorno sin da piccolo, costruendo il suo successo con tanti sacrifici. Contribuiva a rallegrare con le cordialità di sempre le comitive, i clienti che si recavano nella pasticceria e nella sede storica dell’Associazione Pasticcieri Napoletani di Ponticelli. Un uomo con tanta voglia di lavorare e con tante idee che ha saputo farsi da solo grazie all’amore e alla difesa della tradizione legata alla Pasticceria Tradizionale Napoletana. Così il Portavoce della Consulta Nazionale dell’Agricoltura, già Delegato al settore Agricoltura della Provincia di Napoli, componente del Dipartimento Nazionale Ambiente Agroalimentare Alimentazione Ristorazione e Turismo del MNS Rosario Lopa, partecipando all’iniziativa.

Fonte:

Potrebbe interessarti anche:

Le zeppole di San Giuseppe e il progetto di promozione della pasticceria partenopea
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti