Arte, arriva a Venezia il Festival dell’acquerello

Print Friendly, PDF & Email

Venezia protagonista del primo festival dell’acquerello dal 7 all’11 maggio: “Venezia in Acquerello”, che promuove e valorizza gli artisti e la tecnica della pittura ad acqua. Workshop di maestri acquarellisti aperti a tutti.


Acquerello, che passione. Dipingere con l’acquerello piace. Grandi e piccini, artisti e viaggiatori hanno sperimentato felicemente la tecnica che ha affascinato pittori come il Canaletto e sedotto protagonisti del Grand Tour come William Turner. E Venezia, città ritratta con la tecnica dell’acquerello in ogni epoca, diventa il palcoscenico del suo primo festival dell’acquerello, “Venezia in Acquerello”, che apre i battenti il 7 maggio 2019, come evento collaterale a “Fabriano in Acquerello”, il Convegno internazionale di pittura ad acqua su carta ideato dall’Associazione culturale InArte. Il Festival marchigiano si svolge dal 2010 a Fabriano, la città che ha dato i natali alla carta in occidente. Alla kermesse veneziana faranno da sfondo i suggestivi scenari di Burano, San Servolo e Campo SS. Giovanni e Paolo.

Workshop en plein air di pittura ad acqua su carta tenuti da maestri acquarellisti, che potranno essere seguiti da amatori, dilettanti, bambini e professionisti, porteranno Venezia a unirsi alla prestigiosa rete di città che promuovono l’incontro, la cooperazione e il confronto creativo fra gli artisti internazionali dell’acquerello. Seguendo questa filosofia “Fabriano in Acquerello” è da anni il punto di riferimento di una comunità artistica unica e internazionale.

Le attività del Festival si svolgeranno nel centro storico di Venezia, sull’Isola di Burano e nella meravigliosa Isola di San Servolo, e saranno organizzate dall’Associazione Futura Interdisciplinary View (FUTURA IV) in collaborazione con l’Associazione Barchetta Blu, la Scuola Primaria Statale Alfredo Di Cocco e l’Associazione Libri (e) Liberi.

“Venezia in Acquerello” promuove e valorizza gli artisti e la tecnica pittorica dell’acquerello, con una particolare attenzione all’innovazione e al coinvolgimento delle nuove generazioni. Gli eventi e le performance pensati dall’associazione FUTURA IV hanno come obiettivo quello di lanciare e incoraggiare un modello di sviluppo culturale integrato alla vita sociale della città di Venezia. Con questo spirito, il 9 maggio l’associazione FUTURA IV organizzerà una mostra incentrata sul concetto di Arte Relazionale presso Campo SS. Giovanni e Paolo.

L’esposizione, che segna idealmente la conclusione del Festival sarà ospitata all’interno della Basilica di SS. Giovanni e Paolo e sarà inaugurata da Bruno Bernardi, presidente della Fondazione Bevilacqua La Masa e direttore del MASVIC della Ca’Foscari Challenge School. La mostra verrà accompagnata dall’intervento musicale di un giovane talento veneziano emergente, il flautista Andrea Vecchiato.

Fonte: askanews

Potrebbe interessarti:
 Matera, cosa vedere e cosa fare? Guida per un weekend tra arte, sassi e calanchi.
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti