Bolle di Sapone al centro di alcuni incontri alla Galleria Nazionale dell’Umbria

Print Friendly, PDF & Email

La Galleria Nazionale dell’Umbria propone un ciclo di incontri di approfondimento dedicati alla mostra “Bolle di Sapone. Forme dell’utopia tra vanitas arte e scienza” in programma fino al 9 giugno. La molteplicità degli interessi suscitati dalle bolle e dalle lamine saponate nel corso della storia ha consentito di concepire una mostra articolata, in cui gli aspetti più prettamente legati alla ricerca scientifica si sono fusi e mescolati con le sperimentazioni avvenute in campo artistico ed espressivo.


Programma incontri 

30 Aprile ore 17.00
Bolle tra arte, matematica e  gioco
Un viaggio leggero e divertente seguendo una bolla che vola via. Con immagini, parole, suoni, per raccontare e raccontarsi. Come è nata l’idea della mostra.
Incontro con il curatore della mostra Michele Emmer

8 Maggio ore 17.00
Pictura Bulla Est
Le bolle di sapone nell’arte olandese del Secolo d’Oro
L’iconografia delle bolle di sapone nasce in ambito nordico e si diffonde soprattutto nella pittura fiamminga e olandese del Seicento. Attraverso un excursus volto a inquadrare il contesto storico e culturale del cosiddetto Secolo d’Oro della pittura olandese, si analizzeranno la nascita del tema del fanciullo che soffia bolle di sapone, i suoi rimandi simbolici e i vari generi pittorici nei quali il tema della vanitas è stato trattato dai grandi artisti dell’epoca. 
Incontro con Carla Scagliosi, storica dell’arte della Galleria Nazionale dell’Umbria

 

22 Maggio ore 17.00
Soap Operas
Le forme delle bolle di sapone tra cinema, tv, videoclip, videoarte e installazioni contemporanee
Dalla vanitas all’albero della vita eterna, più di un secolo di bolle di sapone nel cinema e nelle altre arti: da Alberto Sordi imbonitore, al regista costruttore di teoremi Aronofsky, dall’Olandesina Volante ad Ornella Vanoni nei caroselli e negli spot pubblicitari, dai trucchi di Méliès e di Velle per viaggiarci a quelli dell’artista Rivane Neuenschwander per farle durare e di Peter Gabriel per abitarle, dalle ‘bubble machines’ autocreative di Medalla all’installazione “Black Hole Horizon” di Kubli dove il suono diviene bolla di sapone.
Incontro con il prof. Moreno Barboni

Info: 07558668436, gallerianazionaleumbria@beniculturali.it

Potrebbe interessarti:

 L’arte in tempo di guerra: i quadri di Elica Balla in mostra a Roma

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Al Colosseo record di visitatori nel 2018

Colosseo superstar, con record di visitatori e prenotazioni. I visitatori dell’Anfiteatro Flavio sono aumentati nel corso del 2018, arrivando a 7,4 milioni, 400mila (5,7%) in ...
Vai alla barra degli strumenti