Pasqua in barca, Elba, Sicilia, Campania e Sardegna le più amate

Print Friendly, PDF & Email
Pasqua in barca

 


Pasqua in barca. Le mete top sono Croazia, Grecia, Sardegna del Nord, Costiera Amalfitana e isole Eolie. Gli italiani scelgono il Mediterraneo.


Croazia, Grecia (golfo di Salonicco), Sardegna del Nord, Costiera Amalfitana e isole Eolie sono le mete top per le vacanze di Pasqua per i turisti internazionali secondo Sailogy.

In crescita, rispetto ai trend dell’anno precedente, la costa turca che si affaccia sul Dodecaneso, le Isole Cicladi e l’Italia del Sud.

Il 61% degli Italiani ha invece scelto il proprio paese come destinazione per le vacanze pasquali privilegiando isola d’Elba e Sicilia, Campania e Sardegna.

L’Elba costituisce una novità rispetto al 2018, a discapito di destinazioni in passato popolari come Isole Baleari e Grecia.

I viaggiatori che prediligono la vacanza in barca provengono da Paesi europei come Germania, Regno Unito e Italia.

Rispetto al 2018, si nota l’incremento di prenotazioni durante il periodo di Pasqua da parte di viaggiatori provenienti dall’Est Europa.

 I viaggiatori che scelgono di solcare il mare del Bel Paese sono soprattutto gli Italiani, seguiti dagli Stati Uniti e dalla Polonia.

Il 66% dei viaggiatori che partirà per una vacanza in barca per Pasqua è costituito da gruppi di amici, il 23% sono coppie e l’11% sono famiglie. La fascia d’età principale va dai 45 ai 54 anni (23%), seguita dai due target 25-34 e 35-44.

Gli Italiani amano e scelgono il Mediterraneo, ma chi sceglie di navigare altrove opta per le Bahamas.

La spesa media per una settimana di vacanza, comprensiva di extra, è di 3,700 euro. Se consideriamo che generalmente i gruppi che prenotano la vacanza sono costituiti da 7 persone, parliamo di 530 euro a persona per una settimana (circa 75 euro al giorno per una vacanza in barca a vela, 100 per un catamarano).

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti anche:

Le barche d’epoca a Montecarlo: aperte le iscrizioni alla XIV Monaco Classic Week
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Amaro Lucano: 124 anni di storia

In queste giornate di festa, dove mangiamo di tutto, mettendo a dura prova il nostro apparato digerente, cosa c’è di meglio se non un amaro, ...
Vai alla barra degli strumenti