Primavera alla scoperta delle tradizioni degli Appalachi in Tennessee

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Considerata la “Peaceful Side of the Smokies,” la piccola cittadina di Townsend è una delle tre porte d’accesso al Parco Nazionale Great Smoky Mountain, insieme a Gatlinburg (TN) e Cherokee (NC). Townsend è una località senza troppe pretese, genuina, colma di ristoranti poco dispendiosi, alberghi e mote; è il luogo ideale dal quale partire per scoprire tradizioni e natura del parco nazionale più visitato d’America, rinomato per la sua diversità floreale e faunistica. Queste antiche montagne custodiscono la qualità tutta speciale della cultura degli Appalachi del Sud.


Al Townsend Visitors Center si può trovare una cartina e validi consigli per passeggiate facili e divertenti. La Townsend River Walk, si snoda lungo il Little River con belle panoramiche del fiume, degli alberi, dei fiori e della fauna selvatica; una pista ciclabile di 15 km scorre sui sentieri tracciati dai coloni e dai Nativi Indiani per migliaia d’anni. I motociclisti adorano questa regione del Tennessee proprio per gli scenari naturali, le incredibili strade di montagna…non a caso qui si trova il famigerato percorso Tale of the Dragon, che in soli 17 chilometri annovera 318 curve!

Il passato del commercio del legname ha testimonianze conservate al Little River Railroad & Lumber Co. Museum con una locomotiva, un vagone ed altri reperti risalenti agli anni ’20 e ’30. Anche il Great Smoky Mountains Heritage Centerconserva la storia della regione. Un’escursione in auto lungo la Cades Cove Loop in soli 17 km mostra le cime delle montagne che spiccano dalle verdi vallate e dalle colline. La strada ad una corsia è asfaltata: ci si ferma frequentemente per compiere un giro che si completa in due o quattro ore. L’andatura lenta permette di ammirare i paesaggi e le montagne, i campi con fiori selvatici e la fauna locale. Per centinaia di anni i Nativi Indiani  Cherokee cacciarono in queste montagne a  Cades Cove. I primi coloni europei vi si insediarono tra il 1818 e nel 1830 e all’epoca la popolazione contava oltre 270 residenti. Sparse lungo il percorso si trovano tre chiese, un mulino funzionante, fienili, case di legno ed altre strutture  fedelmente restaurate risalenti al 18° e 19° secolo. E’ affascinante risalire alla storia della gente che ha vissuto in questa valle verde ed ampia, circondata da montagne. Cades Cove é il luogo maggiormente visitato all’intenro del Great Smoky Mountain National Park ed offre anche avvistamento frequente di cervi dalla coda bianca, orsi neri, coyote,  marmotte, tacchini selvatici,  procioni, puzzole ed altri esemplari.

Ogni anno in primavera si celebra la ricca storia degli Appalachi con la musica, l’artigianato ed il cibo al Townsend Spring Festival (3/4 maggio)  con ottima musica bluegrass e mountain music e quanto è tipico degli Appalachi. Lo Scottish Festival and Games (18/19 maggio) invece ha luogo a Maryville (25 km da Townsend) ai piedi delle Great Smoky Mountains che fanno da scenografia perfetta per un’immersione in Scozia, nelle sue ricche tradizioni e nella storia dei primi pionieri e coloni scozzesi ed irlandesi giunti negli Appalachi meridionali.  Decine di band musicali di tamburi e cornamusa riempiono l’aria con suoni distinti trasportando indietro nel tempo: il meglio dei musicisti celtici internazionali con un mix di musica sia moderna sia tradizionale. Lo spettacolo é offerto dai Clan e dalle tradizioni culturali dei diversi gruppi, in squadre di atleti con kilt che si sfidano in svariate prove di forza, come il lancio di tronchi.

Per un’esperienza “underground” si visitano invece le Tuckaleechee Caverns sempre a Townsend aperte da metà marzo fino a metà novembre, con tour guidati per ammirare le bellezze del sottosuolo scavate in decine di migliaia di anni in una della catene montuose più antiche della terra.

Fonte: TravelSouth USA Italia

Potrebbe interessarti:

 “10 in 10”: il tour in giro per l’Italia per celebrare il ponte più lungo di sempre comodamente in treno
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti