Sassari, oltre 2500 figuranti per la tradizionale Cavalcata Sarda

Print Friendly, PDF & Email

Si è svolta ieri a Sassari la Cavalcata Sarda, tradizionale sfilata con 2500 figuranti in costumi antichi, organizzata dal Comune per promuovere l’identità e il folclore della Sardegna.


La pioggia non ha impedito che a Sassari andasse in scena una spettacolare edizione della Cavalcata Sarda. Il settantesimo appuntamento con la “festa della bellezza”, che tradizionalmente si celebra nel Capo di Sopra la penultima domenica di maggio, ha reso onore alle tradizioni, all’identità e al folclore di tutta l’isola, mettendo in mostra i costumi, i gioielli, gli sguardi fieri e orgogliosi di bambini, giovani, adulti e anziani che hanno sfilato per le vie di Sassari indossando gli antichi abiti delle feste.

Hanno preso parte alla kermesse organizzata dal Comune di Sassari per promuovere l’isola e le sue eccellenze tradizionali oltre 2500 figuranti a piedi e a cavallo, in rappresentanza di settanta comuni di tutte le province dell’isola. Partiti poco dopo le 9 da corso Francesco Cossiga, non appena la pioggia è cessata e il cielo si è aperto come per incanto, la carovana si è arrampicata lungo via Asproni per poi affrontare via Roma. Da lì donne e uomini si sono affacciati in piazza d’Italia, rendendo onore alla tribuna autorità con canti, balli, degustazioni e altri omaggi. Di fronte ai rappresentanti istituzionali della città e del territorio e agli attori politici, culturali, economici e sociali di tutta l’isola, la Cavalcata Sarda è andata avanti in un susseguirsi di abiti dalle fogge eleganti e colorate, ornati dai gioielli sardi. Al termine della sfilata c’è stato il tradizionale passaggio dei gruppi a cavallo, in ossequio alla tradizione che ascrive la nascita di questa manifestazione laica all’omaggio che i notabili sassaresi organizzavano in onore di regnanti e altri ospiti d’onore, consistente in una “passeggiata a cavallo”. Per chiudere le protagoniste dei settanta paesi partecipanti della settantesima Cavalcata Sarda hanno ribadito il ruolo centrale della donna nella tradizione e della cultura della Sardegna, mostrando tutte insieme la bellezza di abiti dai colori e dai tessuti più vari e preziosi.

La sfilata di ieri mattina, che si è conclusa poco dopo le 14, è stata il clou di una manifestazione durata tre giorni, che rappresenta una straordinaria vetrina sui sapori della tradizione, sui balli e sui canti del folclore isolano, confermandosi un potente veicolo promozionale e attirando in città migliaia di persone dalla Sardegna, dal resto d’Italia e da tutta Europa. Nel pomeriggio, complice il miglioramento delle condizioni climatiche, all’ippodromo Pinna di Sassari si è rinnovato un altro momento attesissimo: le pariglie a cavallo, prove di destrezza e di coraggio attraverso cui amazzoni e cavalieri ribadiscono il saldo legame tra l’isola e la cultura equestre.

Di sera la festa si completerà in piazza d’Italia, trasformata per l’occasione in un grande palcoscenico sopra il quale si alterneranno le performance di musicisti folk, gruppi di ballo sardo e interpreti della tradizione musicale isolana.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

Trekking, il “Cammino nella Valle delle Abbazie” dell’Abruzzo teramano
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti