La nuova opera d’arte di Banksy a Venezia su un palazzo gestito da Engel & Völkers

Print Friendly, PDF & Email
Bansky venezia

fonte immagine: Engel & Volkers Venezia


Venezia, 27 maggio. Banksy ha riconosciuto ufficialmente il suo nuovo lavoro sul palazzo a Campo San Pantalon commercializzato da Engel & Völkers.


Venezia, 27 maggio 2019. L’artista di strada britannico ha confermato la paternità di un nuovo murale a Venezia. Lo storico Palazzetto adornato da Banksy si trova vicino alla famosa collezione d’arte della Scuola Grande di San Rocco ed è in corso di vendita tramite l’intermediazione di Engel & Völkers. “Banksy è uno dei più grandi artisti dei nostri tempi e siamo molto lusingati che abbia scelto un immobile commercializzato da Engel & Völkers”, afferma Giacomo Argenio, Office Manager di Engel & Völkers a Venezia.

 

Palazzetto storico sul Canale

Questa magnifica proprietà, situata al limite esatto tra i quartieri Santa Croce e Dorsoduro, si estende su 400 metri quadrati con tre piani di ampie dimensioni. Il piano terra ha un ingresso monumentale, due unità abitative separate e un cortile interno con un pozzo originale veneziano. Oltre a numerose aree di servizio, ampi soggiorni, camere da letto e bagni, l’imponente struttura vanta anche una splendida terrazza panoramica sul tetto ed è situata in un’esclusiva zona residenziale.

 

Dorsoduro: un quartiere di Chiese e arte

L’area di Dorsoduro è nota per la Basilica di Santa Maria della Salute e per i suoi numerosi artisti famosi e opere d’arte. Il quartiere è conosciuto per essere l’area di Venezia con la maggior parte delle gallerie d’arte e dei musei: la Collezione Peggy Guggenheim, la Galleria dell’Accademia, la Galleria ca ‘Rezzonico, la Punta della Dogana – Collezione Pinault, la Casa dei Tre Oci e molti altri.

 

Banksy: il famoso street artist inglese

L’artista e scrittore ha acquisito notorietà in tutto il mondo per i suoi graffiti, che spesso guadagnano somme considerevoli nelle aste più prestigiose. Le sue opere appaiono sui muri degli edifici di nascosto e senza permesso, mentre usa tattiche di “Guerrilla Marketing”. Si è creato un nome attraverso i suoi disegni critici e spesso controversi.

 

Fonte: Comin & Partners

Potrebbe interessarti anche:

Alla Biennale di Venezia in mostra l’urgenza del quotidiano
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti