Milano, Wow Spazio Fumetto festeggia i 50 anni di Alan Ford

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Wow Spazio Fumetto di Milano omaggia i 50 anni di Alan Ford con una mostra visitabile dal 25 maggio al 29 settembre.


Nel maggio 1969 viene pubblicato il primo numero di Alan Ford, creato da Luciano Secchi (in arte Max Bunker) e Roberto Raviola (in arte Magnus). Alan Ford ha creato un nuovo modo di fare fumetto, mescolando ironia, umorismo, satira e un gusto surreale in una ricetta inedita che lo ha reso uno dei fumetti italiani più amati dagli anni Settanta ad oggi.

La mostra “Alan Ford – 50 anni insieme” racconta la straordinaria avventura editoriale che segna la nascita di Alan Ford: con grande spazio dedicato ai suoi protagonisti, il mitico gruppo TNT, ma anche ai nemici e ai comprimari attraverso una straordinaria raccolta di tavole originali e documenti mai esposti prima d’ora tutti assieme in un contesto così celebrativo.

Inaugurazione ufficiale sabato 25 maggio alle ore 16.00, alla presenza di Luciano Secchi (Max Bunker), Dario Perucca (attuale disegnatore di Alan Ford), Moreno Burattini (autore del volume “Max Bunker. Una vita da Numero Uno”), Luigi Bona (direttore di WOW Spazio Fumetto) e Filippo Mazzarella (direttore artistico di Cartoomics). L’esposizione è realizzata in collaborazione con Cartoomics e 1000voltemeglio Publishing.

Informazioni:

WOW SPAZIO FUMETTO
Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano

25 maggio – 29 settembre
Viale Campania, 12 – Milano

Biglietti: Ingresso 5 euro intero, 3 euro ridotto
Orario: da martedì a venerdì, ore 15.00-19.00; sabato e domenica, ore 15.00-20.00. Lunedì chiuso

Fonte: Wow Spazio Fumetto

Potrebbe interessarti:

 Carlo Fornara a Domodossola, la mostra che riporta alle radici del Divisionismo
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Cresce il turismo musicale in Italia

Milano. Un altro segmento in cui si sta frazionando il turismo, richiamando nuovi viaggiatori, è quello musicale. Per il momento tra italiani e stranieri, ne ...
Vai alla barra degli strumenti