I consigli di Sailogy per salpare guardando l’orizzonte come in un film

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Il mare è da sempre una fonte di ispirazione per il mondo dell’arte, e la settima, il cinema, non fa eccezione. Sailogy, la piattaforma online di noleggio barche, in occasione del Festival del Cinema di Cannes propone quattro destinazioni per rivivere l’atmosfera dei set (marittimi) dei film che hanno come protagonista il mondo della navigazione. Non solo potrebbero essere lo spunto per un viaggio meraviglioso, ma anche per avvicinarsi al mondo della barca in modo inaspettatamente semplice.


 

In Sardegna, Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto

 

Nel 1974, il film di Lina Wertmuller racconta la storia di Raffaella Pavone Lanzetti e di Gennarino Carunchio. Appartenenti a due classi sociali opposte, si conoscono sullo yacht dove Gennarino è al servizio di Raffaella. Dopo un guasto al motore i due approdano però su un’isola deserta, dove, circondati da una natura incontaminata e da spiagge mozzafiato, si lasciano alle spalle le differenze di estrazione sociale e si innamorano. Anche se, arrivati i soccorsi, entrambi tornano alle loro rispettive vite, i fan di questa pellicola d’autore possono rivivere queste emozioni scegliendo una vacanza in barca lungo le coste della Sardegna, dove sono state effettuate le riprese del film.

 

The morning light in Bassa California

 

Per chi sogna di partecipare ad un’impresa ed è sempre a caccia di una sfida o di un limite da superare, questo film-documentario del 2008 segue l’avventura di un gruppo di giovani che, dopo un durissimo allenamento alle Hawaii, partecipa alla Transpacific Yacht Race, regata biennale tra le più impegnative del mondo, che parte da questo arcipelago da sogno per arrivare in California. Chi vuole sentirsi circondato dall’immensità del Pacifico, ma non ha a disposizione un training altrettanto mirato, può scegliere di solcare le acque della vicina Bassa California. Un paradiso che vi ricorderà non solo le peripezie di questi velisti, ma risveglierà in voi la loro determinazione.

 

Master&Commander lungo le coste del Brasile

 

Il teatro delle battaglie ottocentesche tra i vascelli Surprise e Acheron, con il capitano Aubrey alias Russell Crowe, sono le acque al largo della costa del Brasile. Territori a lungo contesi dalle potenze europee che intercettavano le nuove rotte commerciali, oggi sono la meta perfetta per chi si vuole immergere in una vacanza alla scoperta di una natura totalizzante. Sia un break a terra che i momenti di navigazione, infatti, riservano il privilegio di ritrovarsi a tu per tu con una flora e una fauna uniche, a contatto con i giganti buoni del mare come la balena franca australe o la megattera.

 

Pirati dei Caraibi all’arrembaggio delle Grenadine

 

Il fascino di pirati come Johnny Depp e Orlando Bloom non è l’unico elemento che ha reso la saga Pirati dei Caraibi un successo planetario. Chi non ha mai sognato di essere abbandonato sull’isolotto sperduto dove Capitan Barbossa esilia Jack Sparrow? Se siete alla disperata ricerca di cieli di un blu intenso che si fondono con le onde, di atmosfere caraibiche colorate e sgargianti e più inebrianti di un bicchiere di rhum, fate le valigie e salpate, verso St Vincent e Grenadine. Queste isole delle Piccole Antille sono state la location delle gesta dei pirati dei nostri sogni perché in gran parte disabitate, e quindi con un habitat naturale selvaggio e inesplorato.

Fonte: Sailogy 

Potrebbe interessarti:

 Mibac: Bonisoli, Cultura design come leva sviluppo, innovazione e crescita
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti