Bologna verso l’Africa, in mostra al Museo Civico mille anni di arte nera

Print Friendly, PDF & Email

Bologna. Fino all’8 settembre 2019 il Museo Civico Archeologico diventa un ponte tra culture con la mostra Ex Africa. Storie e identità di un’arte universale: circa 270 opere di grande valore che ripercorrono un millennio di arte africana.


Sacralità e mistero, solennità e una vaga inquietudine: sono tutte sensazioni che è possibile provare al cospetto delle opere d’arte africana esposte al Museo Civico Archeologico di Bologna fino all’8 settembre 2019.

270 opere provenienti da collezioni private e grandi musei internazionali, che si pongono due obiettivi straordinariamente ambiziosi: riassumere mille anni di storia dell’arte africana e cambiare il punto di vista dello spettatore che la osserva. Perché, nonostante il fascino che l’Art Nègre ha esercitato sul Novecento occidentale (le “maschere” di Picasso bastano a ricordarcelo), l’arte africana è ancora misconosciuta o guardata con indifferenza o sospetto: oggi più che mai, da quando il continente sembra nominato soltanto nei dibattiti politici sulle migrazioni.

La mostra esorta lo spettatore ad andare oltre, a recuperare lo stupore con cui queste opere venivano create e venerate agli albori della civiltà umana; superando le barriere etnografiche o ideologiche, verso il valore supremo di un’arte “universale”.

Nove sezioni che espongono oggetti e manufatti artistici di ogni tipo, dalle celebri teste in ottone di Ife agli oggetti in avorio che gli artigiani africani fabbricavano per i loro dominatori europei nel Rinascimento. E poi maschere e forme umane di ogni dimensione e materiale, legno, bronzo, pietra o rame; lunghe gallerie di volti che scrutano, imperscrutabili, i visitatori che disturbano la loro solitudine.

Prodotta e organizzata da CMS.Cultura, nell’anno che celebra i rapporti culturali Italia-Africa indetto dal ministero degli Affari esteri, l’esposizione è stata curata da Gigi Pezzoli Ezio Bassani: a quest’ultimo, scomparso improvvisamente durante i lavori, è dedicato il progetto.

 

Potrebbe interessarti:

 Lapis Museum di Napoli, prorogata fino all’8 settembre la mostra “Chagall. Sogno d’amore”
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti