Cresce il silver tourism: quest’estate 7,5 milioni di turisti over 65

Print Friendly, PDF & Email

Spesa complessiva 5,8 miliardi di euro, 771 euro a persona. Mete del mezzogiorno le più gettonate. 


Cresce il turismo d’argento. Secondo quanto emerge da un’indagine condotta da SWG per Fipac Confesercenti e Gnam Glam, quest’estate saranno circa 7,5 milioni gli italiani over 65 che si concederanno una vacanza estiva.

I viaggiatori over 65  quest’estate sceglieranno mete prevalentemente domestiche. Circa il 74% sceglierà infatti una destinazione italiana, il 16% si orienterà verso una meta europea, mentre il 6% opterà per un viaggio in un altro continente. Circa 5,5 milioni dei turisti silver trascorreranno la propria vacanza in Italia, e lo faranno soprattutto in una regione del mezzogiorno, scelto dal 40%. La meta più ambita rimane il mare (72%), seguita dalla montagna (20,5%). Il mese più gettonato è luglio (scelto dal 33%), seguito da giugno (24%) e settembre (16%), preferito rispetto al classico agosto di ferie, che raccoglie solo il 15%.

I turisti silver italiani spenderanno quest’estate in media 771 euro per le loro vacanze per 10 notti fuori, per un totale di 5,8 miliardi di euro, di cui 4,2 dovrebbero andare direttamente al sistema turistico italiano: il 23%  ha previsto budget che si aggira tra i 750 ed i 1000 euro, il 22% tra i 500 ed i 750, il 27% cercherà di restare al di sotto dei 500 euro, il 10% tra i 1000 ed i 1500 euro a persona ed infine il rimanente 12% supererà questa soglia.

“La Silver Economy, nel mondo, vale circa 8mila miliardi. Un dato che dimostra come la popolazione più anziana sia sempre più una risorsa, capace di attivare ricchezze. Anche nel turismo, come confermano i dati della nostra indagine”, spiega Sergio Ferrari, presidente di Fipac Confesercenti. “Negli ultimi cinque anni, i viaggiatori silver sono aumentati di oltre 500mila unità. Bisogna dunque agire sia sul lato dell’offerta, sostenendo l’aggiornamento delle strutture ricettive e gli investimenti in accessibilità, sia su quello della domanda, dando una mano alle fasce più deboli rilanciando l’idea dei buoni vacanza. Si aiuterebbero anche i territori, visto l’interesse dei viaggiatori silver per la cultura ed i prodotti locali e la stagionalità più lunga”.

Elena Di Raco, Responsabile Studi e Ricerche ENIT, aggiunge “Enit sta lavorando e guardando con interesse non solo alla sinergia tra turismo ed enogastronomia ma anche al viaggiatore over 65 che è un segmento importante perché non solo si muove spesso ma lo fa spesso con la famiglia”.

 

 

FONTE: UFFICIO STAMPA CONFESERCENTI

 

 

POTREBBE INTERESSARTI:

CRESCITA DEL TURISMO INTERNAZIONALE NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2019

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti