L’antica Roma svela i suoi segreti per le Giornate europee dell’archeologia

Print Friendly, PDF & Email

Roma. In occasione delle Giornate europee dell’archeologia, da venerdì 13 a domenica 15 giugno la città dei Cesari apre le sue porte a turisti e curiosi: tre giorni di visite guidate e iniziative per scoprire luoghi nascosti e rivivere la Storia.


Riscoprire angoli segreti di Roma che raccontano di tempi antichi, di imprese leggendarie o di vita quotidiana. Con le iniziative legate alle Giornate europee dell’archeologia 2019, da venerdì 13 a domenica 15 giugno ognuno di noi potrà scoprire (o riscoprire) la città Eterna catapultandosi indietro nel tempo di 2000 anni. L’evento europeo, che giunge quest’anno alla decima edizione, è stato condiviso in anche in Italia, con l’adesione di molti siti del Ministero dei Beni Culturali. Un week-end dedicato alla Storia, con visite guidate e iniziative per grandi e piccini, appassionati di archeologia o semplici curiosi, per esplorare luoghi millenari segreti o dimenticati.
Come la Casa di Scauro presso l’Arco di Tito, luogo suggestivo solitamente chiuso al pubblico, o il roseto che adorna gli Horti Farnesiani al Palatino: si potranno esplorarli con tour guidati che non richiedono prenotazione e che sono compresi nel prezzo d’ingresso del biglietto. Sempre sul Palatino la via Nova venerdì aprirà le porte delle sue tabernae, un tempo sedi di traffici frenetici. Sono previste anche dimostrazioni pratiche di archeologia, per imparare ad esempio a realizzare monete e manufatti di epoca romana. E, per chi non si accontenta dell’apprendimento “passivo”, ci sono sempre i laboratori didattici, dove agire da protagonisti (come si realizza una lucerna o un affresco romano? Partecipate per scoprirlo!).
Oltre alla capitale dell’antico impero romano è coinvolto anche il suo storico porto: la città di Ostia, il cui Parco Archeologico non poteva certo mancare questo importante appuntamento con l’archeologia. Molte le attività in programma, anche queste comprese nel prezzo standard del biglietto: da non perdere la visita guidata alle Terme di Buticoso e la passeggiata serale al Castello di Giulio II.
Nel comune di Capena, nella città metropolitana, merita una visita il Lucus Feroniae, antico bosco sacro dedicato alla dea Feronia, protettrice delle liberte e delle matrone romane. Sabato 15 anche questo sito sarà ad accesso libero: sarà possibile ammirare gli eleganti mosaici sopravvissuti ai secoli e l’antiquarium che custodisce i reperti dell’antica civiltà.

Potrebbe interessarti:

 Giornate dell’archeologia, visite al cantiere di Villa Regina a Boscoreale
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti