Friend of the Sea espande il suo programma per la sostenibilità alle attività di osservazione di balene e delfini

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Friend of the Sea , il preminente standard di certificazione globale per prodotti e servizi che rispettano e proteggono l’ambiente marino, annuncia di aver aggiunto nuovi membri al suo programma per l’osservazione sostenibile di delfini e balene .


Con la certificazione di tre tour operator gestiti da pescatori sull’isola di Lampedusa, Friend of the Sea sta aiutando a proteggere i delfini nel loro habitat naturale, diffondendo nel contempo preziose informazioni sulla sostenibilità nella fauna marina.

 

È fantastico che la gente voglia vedere i delfini e le balene in natura“, ha dichiarato Paolo Bray, direttore di Friend of the Sea. “Apprezzano le meraviglie del mondo marino. Tuttavia, anche con le migliori intenzioni, questi tour possono inavvertitamente danneggiare queste creature. La nostra certificazione di osservazione sostenibile di delfini e balene è pensata per consentire alle persone di godere queste incredibili esperienze proteggendo allo stesso tempo gli animali.

Friend of the Sea ha certificato le operazioni di pesca e tour di Salvatore Fragapane, Rosario Domenico Sanguedolce e Francesco Palmisano. Ognuno di loro offre ai visitatori un’escursione di due ore che prevede avvistamenti del tursiope (Tursiops gervais). Questa specie è nota per la frequente presenza nelle acque al largo di Lampedusa. Friend of the Sea cerca di ridurre al minimo il disturbo involontario all’habitat dei delfini fissando un numero massimo di navi nell’area in qualsiasi momento.

 

Lo standard fissa anche limiti alla velocità massima di avvicinamento e alla distanza tra le barche e i delfini. Allo stesso tempo, proibisce il nuoto con gli animali e l’uso di plastica monouso a bordo delle barche da tour. I clienti possono interagire con Friend of the Sea, dando feedback sul tour. Nel mondo non-animale, Lampedusa è stata teatro di diverse recenti tragedie che coinvolgono i migranti. La sua posizione, tra l’Africa e l’Italia meridionale, ha reso l’isola una destinazione per i migranti che attraversano il Mediterraneo. Nel 2016, una barca migrante affondò al largo della costa di Lampedusa, causando la morte di oltre 80 persone.

Nonostante la situazione a Lampedusa, questi pescatori hanno deciso di fare qualcosa di concreto per aiutare la popolazione locale di delfini“, ha commentato Mario Passoni, Scientific Officer di Friend of the Sea. “Questo dimostra l’importanza del problema per le persone che dipendono dal mare per il loro sostentamento.” Passoni, che ha guidato questo progetto di certificazione, ha lavorato in collaborazione con Area Marina Protetta Isole Pelagie, coinvolta nella protezione dell’area marina locale, così come nel gruppo di ricercaAssociazione Me.Ri.S., che si concentra sullo studio dei delfini. “Abbiamo tutti unito le forze per proteggere l1area marina ei delfini. È stata una grande partnership “, ha aggiunto Passoni.

Fonte: Friend of the Sea

Potrebbe interessarti:

 Oro d’Italia, scia preziosa d’arte
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti