Al Sarcinelli di Conegliano “Dagli impressionisti a Picasso”

Print Friendly, PDF & Email

Al palazzo Sarcinelli di Conegliano (TV) dall’11 ottobre 2019 al 2 febbraio 2020.


Dagli Impressionisti a Picasso: sono questi i capolavori selezionati dalla Johannesburg Art Gallery, uno dei più importanti musei d’arte ad oggi esistenti nel continente africano, che saranno esposti nello storico palazzo Sarcinelli, rappresentando un’occasione per ammirare dei pezzi unici della storia dell’arte. La Johannesburg Art Gallery si è costituita grazie all’ingente apporto di donazioni fatte da collezionisti sudafricani sensibili all’arte, nell’intento di promuovere il museo come centro di aggregazione culturale di riferimento per il loro paese. Il nucleo di questa importante raccolta è il lascito di Lady Florence Phillips, appassionata collezionista che, grazie ai suoi prestigiosi contatti, riuscì ad acquisire capolavori immortali dicelebri artisti europei tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del secolo successivo. Dai capolavori dell’Ottocento inglese, passando per i maestri dell’Impressionismo, fino ai movimenti artistici rivoluzionari del Novecento: sessanta opere, dipinte dai più grandi artisti tra ‘800 e ‘900, voleranno per ben 11.000 chilometri dal museo di Johannesburg, fino a raggiungere la Città di Conegliano. Fino a febbraio 2020 si potranno così ammirare opere realizzate dai principali protagonisti della scena artistica internazionale del XIX e del XX secolo come Turner, Rossetti, Courbet, Monet, Cézanne, Warhol e molti altri. Un vero e proprio viaggio nella storia dell’arte europea e mondiale. Palazzo Sarcinelli è un edificio rinascimentale di Conegliano, ubicato nel centro storico. Fu costruito nel 1518 e nei secoli di maggior splendore ospitò nella personaggi di rilievo come Bona Sforza, Massimiliano III d’Austria ed Enrico III di Francia.Nel XX secolo diventa proprietà comunale e a partire dal 1988, il palazzo è diventato la sede della Galleria d’arte moderna e contemporanea. Nel corso degli anni Palazzo Sarcinelli ha ospitato importanti mostre d’arte.

Ma come mai la mostra è così imperdibile? Innanzitutto offre ai visitatori un importante strumento di interpretazione dell’evoluzione della pittura europea tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del secolo successivo. Rende poi possibile vedere capolavori normalmente esposti a più di 11.000 km da Conegliano, rendendola un’occasione del tutto unica: le mostre dedicate alla pittura dell’800 e 900 infatti sono tra le più visitate in Italia. Infine, è da ricordare che esce dagli schemi di un’esposizione tradizionale sugli Impressionisti, per evidenziare la grande rivoluzione artistica successiva.

 

 

 

Potrebbe interessarti:

Urbino. Da ottobre la mostra dedicata a Raffaello e alla sua attività nelle Marche
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti