Il direttore degli Uffizi interviene contro il bagarinaggio online

Print Friendly, PDF & Email

 


Il direttore degli Uffizi: contro bagarinaggio online guerra legale da anni, tanti siti fatti chiudere.Siamo in trincea: abbiamo black list e siamo impegnati con Avvocatura dello Stato, Polizia, Guardia di Finanza e Carabinieri”.


“Lo diciamo da sempre: è totalmente inaccettabile il bagarinaggio online che approfitta del nome degli Uffizi per proporre biglietti a prezzo maggiorato a persone ignare del costo reale dell’ingresso in museo. Abbiamo da tempo predisposto una black list dei siti che compiono questo tipo di operazioni illegali, tanti li abbiamo fatti chiudere, abbiamo cause legali in corso e da tre anni, insieme a Polizia postale, Guardia di Finanza, Carabinieri ed Avvocatura dello Stato stiamo profondendo il massimo impegno per contrastare questo deprecabile fenomeno”. Così interviene sul tema il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt. “Un altro fondamentale tassello nella lotta al bagarinaggio in rete – aggiunge – lo abbiamo messo nel settembre 2017, lanciando il nostro sito ufficiale (www.uffizi.it), dotato di una indicizzazione altissima nei motori di ricerca, che ci pone dietro solo ai siti a pagamento. È  evidente, dunque – conclude il direttore – che su questo fronte siamo vigili, attivi ed in trincea dall’inizio del mio mandato, insieme a tante altre forze dello Stato. Se ora a questa battaglia volesse aggiungersi anche il Comune di Firenze, questo non potrebbe che farci piacere”.

Fonte: Ufficio stampa Opera Laboratori Fiorentini

Potrebbe interessarti anche:

Secondary Ticketing, Codacons: nessuna buona notizia, bagarinaggio online prosegue
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti