Le prime “pillole” dall’Osservatorio Italiano del Destination Wedding Tourism

Print Friendly, PDF & Email

 



 

Massimo Feruzzi, Direttore Scientifico dell’Osservatorio Italiano del Destination Wedding Tourism ha voluto dare le prime ‘pillole’ del nuovo Osservatorio, condensandole in 3 punti: aumentano i mini wedding di stranieri under 35 in Italia; aumentano i family moon, aumentano I matrimony avventura-natura.


Massimo Feruzzi – Direttore Scientifico dell’Osservatorio Italiano del Destination Wedding Tourism presentato a Roma il 10 luglio – ha voluto dare le prime ‘pillole’ del nuovo Osservatorio, condensandole in 3 punti:

 

a)   Aumentano i mini wedding di stranieri under 35 in Italia, i cosiddetti ‘big spender’, con brevi soggiorni di tre giorni di livello eccezionale: viaggi aerei in business class, ospitalità 5 stelle, ristorazione stellata. Wedding con pochi ospiti (massimo 12 persone), in prevalenza coppie di amici. Per un matrimonio simile a questo si sono spesi, nel nostro Paese, 86.000 eu per tre giorni.

b) In crescita anche i family moon, matrimoni di coppie, in prevalenza seconde nozze, che si sposano con figli al seguito. Si tratta di over 40, che festeggiano con altre coppie con altri figli, generalmente coetanei dei loro piccoli. Per questi matrimoni l’attenzione a tutto ciò che è a servizio dei bambini è una priorità.

c)Infine, aumentano anche i matrimoni avventura-natura. Si tratta in prevalenza di coppie che arrivano dal nord Europa e vogliono praticare un mix di attività sportive, anche adrenaliniche, per una media di 10 giorni in Italia. Si tratta di giovani coppie (26/35 anni), ambientaliste e sportive, che con coppie di amici cercano esperienze di like&bike, canyoning e rafting, cammini slow, Possono arrivare sino ad una 40ina di partecipanti.

 

L’Osservatorio Italiano del Destination Wedding Tourism – curato da JFC – vuole essere il principale strumento di conoscenza e monitoraggio costante del “fenomeno wedding” in tutti i suoi elementi di valore ed interesse e si pone quale obiettivo primario quello di fornire informazioni utili all’intero sistema nazionale (operatori, enti, giornalisti, esperti, etc.).

A differenza dei vari sistemi di monitoraggio ed osservatori già attivi su altri segmenti di mercato e che già altri enti realizzano, la metodologia qui adottata non si limita alla pura analisi statistica, ma si sviluppa attraverso varie fasi di studio realizzate durante diversi periodi dell’anno, concentrandosi su fattori fenomenologici, economici, sociologici, di forte interesse.

 

“Con questo Osservatorio – afferma Massimo Feruzzi, Direttore Scientifico dell’Osservatorio Italiano del Destination Wedding Tourism – ci poniamo l’obiettivo di mettere a disposizione dell’intera comunità turistica – operatori, giornalisti, enti pubblici – uno strumento di approfondita conoscenza ed un monitoraggio costante del “fenomeno wedding” in tutti i suoi elementi di valore ed interesse. Un’attività, questa, complessa, in quanto si focalizza sulla rilevazione di ben 17 aree che compongono la filiera del prodotto wedding, coinvolgendo gli operatori specializzati, il sistema dell’intermediazione ed i wedding planner attivi in ogni parte del mondo. In sostanza, l’Osservatorio fotografa questo segmento fornendo periodicamente una serie di indicatori – sociologici, tendenziali ed economici – sulla congiuntura del wedding tourism in Italia”.

 

“E’ con enorme soddisfazione che siamo a presentare questo nuovo progetto di Buy Wedding in Italy – afferma Valerio Schönfeld, fondatore e direttore di BWI – che abbiamo fermamente voluto. La piattaforma Buy Wedding in Italy è costituita da diversi servizi multicanale e da un trade B2Bche si terrà il 12, 13, 14 novembre 2019 a Bologna. L’Osservatorio Nazionale del Destination Wedding Tourism è un ulteriore tassello e per noi: rappresenta un punto di arrivo ed un punto di partenza.

Contiamo di diffondere i primi dati dell’Osservatorio curati da Massimo Feruzzi nella Conferenza Stampa del 12 novembre che aprirà l’evento Buy Wedding in Italy a Bologna.                                                 ./.

 

Secondo Bianca Trusiani, che presiede il comitato tecnico scientifico del Buy Wedding in Italy ed è tra i maggiori esperti del settore wedding “Il matrimonio è un processo molto complesso, comprendente moltitudini di operatori e attività da pianificare, generando nuove possibilità per i territori e le aziende. Gli attori che vanno ad interagire in questo mercato sono molteplici: è necessario quindi mettere a sistema tutta l’offerta locale per poter entrare nel mercato del Destination Wedding ed andare ad intercettare flussi sia B2B sia B2C. La necessità di un osservatorio così articolato, può dare la possibilità di individuare gli indicatori d’impatto per la creazione del prodotto turistico della filiera corta. Ad oggi molti territori in tutta Italia- ha concluso Bianca Trusiani nel suo intervento – iniziano ad essere realmente interessati al Destination Wedding e chiedono supporto proprio perché vogliono, soluzioni reali e che portino risultati concreti.

 

Il Comitato Scientifico dell’Osservatorio è composto da: Massimo Feruzzi, Direttore Scientifico dell’Osservatorio, Bianca Trusiani, Paolo Corvo, Giovanni Salvati Celestino e Valerio Schönfeld.

Potrebbe interessarti anche:

Banchetto di nozze con supplì, arriva lo ‘Street Wedding’
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Pasta, eccellenza del Made in Italy

“Ho sempre pensato che nella pasta ci fosse qualcosa di speciale”. Così commenta Woody Allen in una scena del film “Il Dormiglione”, dopo essersi risvegliato ...
Vai alla barra degli strumenti