Il sogno del gladiatore, sangue e archeologia in 3D al Colosseo

Print Friendly, PDF & Email

“La luna sul Colosseo”, il percorso di visita notturno nel Parco Archeologico del Colosseo, quest’anno è intitolato Il sogno del gladiatore: un’installazione video che racconta il passato dell’anfiteatro attraverso il sogno di un gladiatore alla vigilia del combattimento. Fino al 6 gennaio 2020.


Dal 20 maggio 2019 al 6 gennaio 2020 le visite guidate notturne dell’anfiteatro Flavio si arricchiscono di nuove suggestioni.

La luna sul Colosseo – Il sogno del gladiatore è il titolo che caratterizza l’edizione 2019 del percorso di visita guidato. Arrivato sul piano dell’arena – dopo aver percorso il secondo ordine e scoperto le cavità dei sotterranei – il pubblico assiste a una proiezione che, attraverso il sogno di un glorioso campione alla vigilia del combattimento, ricorda le gesta dei più valenti gladiatori i cui nomi sono a noi noti dalle fonti antiche.

Gruppi guidati di 25 persone vivono la magia notturna e quieta dell’anfiteatro in un percorso – della durata di 75’ – che coniuga il racconto storico con immagini e suoni creati da Studio Azzurro.

Antichi e lontani suoni, come di cimbali e liuti, accolgono i primi passi del visitatore che si avvia al secondo ordine del Colosseo per godere, subito, dello straordinario affaccio sull’Arco di Costantino e sul colonnato del Tempio di Venere e Roma.

Al racconto della storia del monumento – riferito da guide formate da archeologi, storici dell’arte e architetti – si innestano installazioni video con le testimonianze sull’anfiteatro lasciate da emblematiche figure del passato: Marziale, Cassio Dione, S. Agostino, Artemidoro. Le immagini, le voci e i suoni si attivano al passaggio dei visitatori, e anticipano la proiezione conclusiva.

Sul piano dell’arena, intanto, silhouette di servitori di scena, fiaccole alla mano, sono ombre proiettate sul sipario agitato dalla brezza serale. Attendono l’arrivo del pubblico per l’ultimo atto della visita.

Prima ancora si scende nelle viscere del monumento. Qui viene spiegato il funzionamento dell’apparato tecnico che consentiva il sollevamento di uomini e di animali dai sotterranei all’arena. Come ombre cinesi, appaiono quasi per magia sugli antichi muri le figure che popolavano questi spazi: belve feroci e animali esotici. E i gladiatori.

Saliti sull’arena, proprio lì dove spettacoli e cruente battaglie avevano luogo, il sipario si apre su “Il sogno del gladiatore”. Proiettate su tre grandi velari, le immagini mettono in scena la notte precedente l’inizio dei giochi e quello che in modo fantastico, ma molto umano, potrebbe essere passato nella mente di un combattente in attesa di prendere le armi e di sfidare la sorte. La stessa sorte condivisa da Carpoforo, Diodoro e Demetrio, famosi gladiatori di cui le fonti antiche ci ricordano le grandiose imprese che trascinavano in un tifo smisurato gli antichi romani, assiepati sugli spalti del Colosseo.

Informazioni
Dove: Roma, Colosseo
Destinatari: Singoli; gruppi adulti
Quando: da maggio a ottobre, tutti i giorni tranne la domenica; novembre e dicembre, ogni giovedì, venerdì e sabato; dal 2 al 6 gennaio 2020 tutti i giorni
Tematica: storia antica e archeologia
Durata: 75’
Numero partecipanti: 25
Biglietti: Intero 24,00 euro, ridotto: 22,00 euro
Fonte: Coopculture

Potrebbe interessarti:

A Roma la mostra “Impressionisti segreti” a Palazzo Bonaparte
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Le 10 biblioteche più stravaganti al mondo

Normalmente siamo abituati a pensare alle biblioteche come a degli edifici polverosi che lasciano ben poco spazio all’immaginazione. Esistono però delle biblioteche che sono talmente ...
Vai alla barra degli strumenti