Tutti i libri da portare in vacanza, da Scurati a Simenon

Print Friendly, PDF & Email

Tempo di vacanze: una sdraio in riva al mare, il rumore lento delle onde in sottofondo e una bella storia tra le mani. Ecco i consigli sui libri da leggere questa estate, dal Mussolini del vincitore dello Strega al ritorno di Carrère.


Recuperare i libri che non si è riusciti a leggere durante l’anno, tuffarsi nelle storie di suspence, mistero, avventura o nelle romantiche e spietate saghe d’amore e familiari arrivate in libreria. Le vacanza al mare, in montagna o in giro per il mondo possono essere l’occasione per dedicarsi finalmente con relax anche alla lettura.

Nonostante la mole di oltre 800 pagine, tra i titoli top dell’estate 2019 c’è sicuramente il romanzo documentaristico del Premio Strega 2019 Antonio Scurati, M.il figlio del secolo (Bompiani) sui primi sei anni di Benito Mussolini, in cui l’autore entra “nella focale corta” di quello che sarebbe diventato il duce. Primo titolo di una trilogia, diventerà una serie di cui ha acquistato i diritti Wildside. Ma tutti i libri della cinquina di alta qualità di questa edizione del più ambito premio letterario italiano meritano di diventare i compagni di viaggio di questa estate. Da Fedeltà (Einaudi) di Marco Missiroli, un romanzo sul disincanto, che indaga i tormenti e i dubbi dell’animo umano, sul confine tra l’essere fedeli a sé stessi o agli altri, a Il rumore del mondo (Mondadori) in cui Benedetta Cibrario racconta il Risorgimento attraverso la storia di una ragazza inglese che arriva in Piemonte. A La straniera (La nave di Teseo) di Claudia Durastanti, che è piaciuta molto all’estero e ai giovani con questa educazione sentimentale contemporanea che vede al centro sua madre e racconta cosa significa sentirsi sempre stranieri, a Addio fantasmi (Einaudi) di Nadia Terranova con la storia di Ida che torna nella casa d’infanzia, a Messina, si confronta con i condizionamenti di tutta la sua vita e con la sparizione del padre, 23 anni prima.

Oltre agli “stregati”, per chi ama i grandi autori, i gialli e la suspence è imperdibile Marie la strabica (Adelphi) di George Simenon (Adelphi) – tutto giocato sul rapporto tra la bella Sylvie, pronta a sedurre il mondo, e la bruttina e strabica Marie, che si perdono e si ritrovano – e Il cuoco dell’Alcyon (Sellerio) di Andrea Camilleri in cui torna, a 25 anni dal suo esordio, un Montalbano più avventuroso che mai in una intricata vicenda che comprende anche lo smantellamento del commissariato di Vigàta. Perfetto per l’estate il thriller d’avventura Il sigillo del cielo (Nord) di Glenn Cooper con un docente di storia delle religioni che deve risolvere il mistero di una pietra trafugata e L’enigma dell’abate nero (Newton Compton) di Marcello Simoni che ci porta nell’estate del 1461 sul Mar Ligure con il ladro Tigrinus che scopre una verità sconvolgente. La regina del giallo nordico Camilla Läckberg ci regala nel primo titolo della sua nuova serie noir, La gabbia dorata (Marsilio), una nuova eroina, Faye, che apparentemente ha tutto e invece è determinata a compiere la sua vendetta contro il marito che l’ha tradita. E Luca Di Fulvio, l’autore italiano più venduto in Germania, ci porta nella Buenos Aires del 1912 in La figlia della libertà (Rizzoli). Chi ama la fantascienza non sbaglia se sceglie Respiro (Frassinelli) di Ted Chiang che in una serie di racconti immagina mondi diversi e cosa significhi vivere nell’incertezza.

Tra i grandi ritorni Vite che non sono la mia (Adelphi) di Emmanuel Carrère, nella nuova traduzione di Federica Di Lella e Maria Laura Vanorio, in cui lo scrittore Premio Hemingway Letteratura 2019’racconta la vita, la morte, la giustizia e l’amore. La vincitrice della prima edizione del Premio DeA Planeta 2019, Simona Sparaco stravolge ogni prospettiva nel romanzo Nel silenzio delle nostre parole (DeA Planeta) in cui ci confrontiamo con situazioni estreme. Tra i titoli sulla famiglia, l’amore, l’amicizia intramontabile In tutto c’è stata bellezza (Guanda) di Manuel Vilas che percorre a ritroso la sua vita rispolverando la memoria di chi erano i suoi genitori, i suoi nonni ed esplora il legame tra generazioni. A raccontare i chiaroscuri dei rapporti oggi è invece Signoramia (Feltrinelli) di Elena Dallorso e Francesco Nicchiarelli, un romanzo epistolare ricco di colpi di scena. Nell’anniversario dei 50 anni dello sbarco sulla luna arrivano gli undici racconti di Moon (LiscianiLibri), a cura di Divier Nelli con un pensiero di Tito Stagno, con undici storie di autori italiani tra cui Mariano Sabatini e Leonardo Gori, Luna (Mondadori), in cui Bruno Vespa racconta cronaca e retroscena e guarda al futuro e Il sogno della luna in cui Roberto Mussapi ci mostra la profezia e la poesia della missione. Infine, per chi non può stare tanto a lungo senza muoversi c’è Perché viaggiamo. In difesa di un atto vitale (Edt) del mitico fondatore della Lonely Planet Tony Wheeler.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

 Le 10 biblioteche più stravaganti al mondo
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti