Scalo Milano: crescita a doppia cifra per il turismo dell’hospitality con ben il 90% di clientela straniera

Print Friendly, PDF & Email
Scalo MIlano

 


Scalo Milano Outlet & More, l’outlet cittadino a soli 15 minuti dal centro di Milano, è in crescita a doppia cifra. Partnership a valore, corsi di formazione, iniziative e programmi di loyalty sono gli asset alla base della sua nuova strategia per il turismo.


 

Scalo Milano Outlet & More, l’outlet cittadino a soli 15 minuti dal centro di Milano, continua a investire nel segmento del turismo facendo registrare nel secondo trimestre del 2019 una crescita a doppia cifra dell’afflusso di clientela proveniente da strutture alberghiere della città di Milano e zone limitrofe con le quali ha stretto accordi e partnership. La svolta arriva con l’ingresso nel team del Director of Tourism & Business Development, Daniele Rutigliano, che porta il proprio background di lungo corso, maturato in anni di esperienza nel settore dell’hôtellerie sia luxury che premium, a Scalo Milano.

 

Fin da quando sono arrivato, ho subito creduto nell’ospitalità Milanese come leva strategica per portare nuovi clienti nel nostro outlet: la prima cosa che abbiamo fatto è stata infatti l’attivazione di relazioni a valore e partnership con le strutture alberghiere milanesi e limitrofe e questo è stato il driver che ha portato Scalo Milano a diventare una destinazione di shopping per tutti coloro che si sono trovati in città per lavoro o per turismo”, spiega Daniele Rutigliano – Director of Tourism & Business Development di Scalo Milano Outlet & More.

 

Tra gli obiettivi di Scalo Milano per il comparto turistico c’è quello di intercettare la clientela leisure individuale e invitarla a inserire all’interno del classico circuito di viaggio, anche un’esperienza di shopping a pochi passi dalla città da viversi in un contesto recettivo anche per quanto riguarda il food e l’intrattenimento, asset di punta di Scalo Milano Outlet & More. Strategica si è quindi rivelata l’attivazione di accordi sia in ambito FITFor Individual Travellers – per la clientela straniera, che MICEMeetings, Incentives, Conferences and Exhibitions – per turisti più domestici, e l’organizzazione di eventi di networking con i responsabili commerciali, dei concierge ma soprattutto con i direttori. I risultati non si sono fatti attendere e, dopo i primi quattro mesi di implementazione del programma di sviluppo del turismo, l’hôtellerie milanese ha veicolato oltre il 70% del business mix turistico di Scalo Milano, generando flussi internazionali sia long haul, con particolare focus su Cina e Russia (90% del flusso), che europei.

 

Tra i prossimi progetti che metteremo a piano, c’è la realizzazione di un programma di formazione e loyalty per le figure guest experience e la creazione di un AWARD per i migliori ambassador di Scalo Milano per mantenere un dialogo costante con le strutture alberghiere. E poi, dopo l’estate, stiamo lavorando all’organizzazione di una cena di gala per i Direttori degli hotel”, anticipa Daniele Rutigliano – Director of Tourism & Business Development di Scalo Milano Outlet & More.

 

Potrebbe interessarti anche:

Gli italiani in vacanza spendono più per mangiare che per dormire. L’analisi di Coldiretti.
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti