Via ferrata, le 7 escursioni più belle in cima alle Alpi vodesi

Print Friendly, PDF & Email

Nel Cantone di Vaud, in Svizzera, l’alpinismo è uno sport di casa. La via ferrata è una combinazione di arrampicata e trekking di alta montagna, con una caratteristica in comune: l’emozione dei paesaggi che si scorgono dalla vetta. Dai percorsi per principianti a quelli per soli esperti, ecco le 7 vie ferrate più belle sulle Alpi Vodesi.


L’alpinismo… questa invincibile attrazione per gli impavidi amanti della montagna! Beh, decisamente è uno sport di casa nel Cantone di Vaud, tra le cime avvincenti delle Alpi della Svizzera Francese. Qui si può scegliere tra varie proposte di via ferrata, dai percorsi per principianti, fino a quelli più impegnativi per veri esperti. Una caratteristica però li accomuna tutti: gli intrepidi scalatori vengono sempre ripagati della fatica e del coraggio con veri e propri spettacoli della natura, scenografie alpine praticamente in esclusiva!
Sempre più popolari negli ultimi anni, le vie ferrate sono una combinazione di arrampicata e trekking di alta montagna. Passiamo allora in rassegna le 7 più belle proposte di vie ferrate sulle Alpi Vodesi.

1. Tour d’Aï (difficoltà media)

Affacciato su Leysin, il Tour d’ Aï Via Ferrata è un’esperienza fantastica e intensa. Dalla stazione della funivia Berneuse, bisogna percorrere 40 minuti a piedi per raggiungere la partenza del Tour d’ Aï. Classificato nella categoria “D”, è abbastanza difficile per i bambini ed i principianti. La via inizia delicatamente ma diventa verticale molto rapidamente e la sfida principale è un fantastico camino con alcuni tratti un po’ tecnici.

Dopo questo ostacolo, si apre agli occhi degli alpinisti una vista mozzafiato sulle montagne. Dopo una o due ore di elevato divertimento (a seconda dell’abilità e dell’esperienza) gli scalatori possono tornare con la funivia fino alla Berneuse o raggiungere Leysin via Lago di AI per completare l’escursione con la vista del lago.

2. Plan Praz (per esperti)

Anche la Plan Praz Via Ferrata si trova a Leysin ma segue l’andamento fisicamente impegnativo delle nuove vie ferrate: divertimento, un po’ aereo, con travi, ponti di corda, passerelle e scale. Attende alpinisti esperti che veramente vogliono godersi la sfida! Considerata molto difficile, questa via ferrata non è per tutti!
Si inizia subito con la sezione fisicamente più impegnativa, solo per scalatori forti! Le sfide lungo la strada comprendono un ponte di corda ed altri passaggi impegnativi.

Dopo questa sezione intensa, il tratto centrale della via offre un po’ di tregua, prima di chiamare in causa di nuovo i muscoli. Poi una bella passeggiata tra gli alberi saprà rifocillare gli sportivi. Il percorso termina con due scale, l’ultimo pezzo della Via richiede anch’esso la forza, ma dopo una o due ore di duro lavoro (anche in questo caso il tempo dipende dall’abilità e dall’esperienza), gli scalatori vorranno solo una cosa: ricominciare da capo!

3. Videmanette percorso 1 (per principianti)

Videmanette è la via ferrata che presenta 3 alternative di escursioni di arrampicata. Il punto di partenza è a 5 minuti dalla stazione della funivia Videmanette, Pays – d’Enhaut, popolare tra gli appassionati di vie ferrate e sciatori e facile da raggiungere con la filovia da Rougemont, che è a sua volta collegata alle vie principali con il treno GoldenPass. Un vantaggio apprezzabile è anche la disponibilità delle attrezzature a noleggio ad un prezzo accessibile presso la stazione della funivia. Il percorso 1, relativamente facile, è l’ideale per i principianti. Si inizia con un dislivello leggero, compresa una sezione del camino. L’ultima sezione di montagna Rubli ( 2.285 m ) si completa a piedi fino a raggiungere una vista spettacolare delle Alpi e Pays-d’Enhaut all’arrivo.

4. Videmanette percorso 2 (difficoltà media)

Questo secondo percorso è adatto a buoni scalatori e termina anch’esso con viste spettacolari all’inizio della Rubli (2.258 m). La prima sezione è la stessa per percorsi 1 e 2: facile dislivello, con un camino e una piccola sporgenza. Poi il percorso 2 si separa dal primo ed offre a buoni scalatori un muro a 75° e una sezione più in alto. L’ultima sezione è di nuovo condivisa con il primo percorso, con l’escursione alla vetta ripagata dallo splendido panorama alpino.

5. Videmanette percorso 3 (per esperti)

Solo per alpinisti esperti, questa via ferrata diletta scalatori alla ricerca di forti emozioni! La filovia Videmanette offre un facile accesso e le attrezzature possono essere noleggiate presso la stazione. Il percorso dura poco più di un’ora di arrampicata e si configura come tecnico e aereo. La via ha un avvio impegnativo con un grande camino che richiede competenze tecniche e il sangue freddo per superare la sensazione di essere nel vuoto. Dopo l’uscita dal camino, gli scalatori possono godere di un po ‘di respiro con una cengia erbosa più facile. Ma dopo questa tregua, tutto diventa molto complicato con una lunga sezione verticale e una scala difficile a causa dello spazio tra i pioli. Una vera e propria sfida anche per alpinisti esperti. La strada del ritorno può essere molto divertente anche a cavallo di una mountain bike in una corsa verso il basso per Rougemont attraverso il meraviglioso scenario delle Alpi svizzere.

6. Rocher Jaune (per esperti)

Chiamato anche “la via ferrata della Tête aux Chamois”, questo percorso ha tutti gli aspetti fisicamente impegnativi di questo sport. Classificata tra le ‘difficili’, questa via ferrata è adatta agli scalatori esperti più impavidi!
Vicino alle Cabane des Diablerets, l’inizio della via ferrata du Rocher Jaune è raggiungibile a piedi dal paese o dal Col du Pillon, ma il modo più semplice è quello di prendere la funivia Glacier 3000. La via si trova a 5 minuti a piedi. La via ferrata Rocher Jaune è moderatamente tecnica, ma alcune sezioni richiedono forza e una buona dose di coraggio.

Il percorso si snoda lungo una cengia, in alcune parti comodo e in altre molto stretto. L’adrenalina sale in particolare nella sezione attraverso il Rocher Jaune, nella mini-grotta dove è necessario accucciarsi e nel passaggio su una trave di legno. Dopo due ore di esercizio e di forti emozioni, è tutta meritata una fonduta tipicamente svizzera in uno dei ristoranti della regione!

7. Rochers-de-Naye (per esperti)

Affacciata sul Lago di Ginevra, la via ferrata Rochers-de-Naye è un’esperienza mozzafiato. Questo percorso impegnativo di arrampicata con fissaggi è riservato solo agli alpinisti esperti ed i loro sforzi sono ricompensati da una vista tra le più belle della Svizzera!  Per raggiungere la partenza occorre prendere il treno a cremagliera da Montreux (fermata “Jaman”) o viaggiare su strada attraverso Caux. L’attrezzatura può essere noleggiata alla stazione di Glion o nei negozi di articoli sportivi a Vevey e Montreux.

La via imposta rapidamente il tono con uno sperone verticale di circa 50 m, seguito da un ponte di corda e poi una grotta dove gli alpinisti possono riposare. Il percorso prosegue con una pendenza stretta, quindi una successione di sporgenze di erba. Qui gli scalatori possono scegliere se prendere la via d’uscita oppure proseguire; la seconda sezione è adatta solo ai più esperti, essendo molto aerea ed è aperta solo dal 1° luglio. Una volta in cima, si gode di una vista magnifica per poi fare ritorno Montreux tramite il treno a cremagliera oppure a piedi lungo il sentiero.

Fonte: Svizzera Unica

Potrebbe interessarti:

 Viaggio gourmet in Svizzera a bordo del Treno del Cioccolato
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti