Città più visitate del mondo, Bangkok al primo posto

Print Friendly, PDF & Email

A guidare la classifica stilata da Mastercard delle città più visitate del mondo c’è Bangkok, che resta la meta preferita dai turisti. Seguono Parigi e Londra. Milano è l’unica città italiana nella top 20, più staccate Roma e Venezia.


Milano è la città italiana più visitata ed è l’unica nella top 20 mondiale; fra le prime 10 europee, oltre al capoluogo lombardo ci sono solo Roma e Venezia. I dati emergono dalla nuova edizione del Mastercard Global Destination Cities Index, che classifica 200 città in base all’analisi del volume dei visitatori e dei dati di spesa.

Milano si inserisce al quinto posto della classifica europea. Tuttavia, oltre a confermarsi stabilmente in Europa, la città meneghina rinnova la sua vocazione globale ed è l’unica a rientrare nella stretta cerchia delle 20 città più visitate al mondo – precisamente al sedicesimo posto.

“Con oltre 9 milioni di visitatori nel 2018, una previsione di incremento per il 2019 del 2.02% e una spesa media giornaliera di 155 dollari, Milano conferma un trend in costante crescita”, spiega la ricerca. Roma invece è stabile all’ottava posizione della classifica europea di Mastercard, mentre si posiziona solo ventiduesima a livello mondiale con i suoi 7,65 milioni di visitatori internazionali durante gli ultimi dodici mesi. Venezia, terza città italiana in classifica, chiude la top ten europea con 7,4 milioni di visitatori internazionali.

A guidare il ranking è Bangkok, capitale della Thailandia, con oltre 22 milioni di visitatori seguita dai grandi classici rappresentati da Parigi e Londra, entrambi sopra i 19 milioni, e le mete legate al mondo dell’innovazione e del futuro come Dubai, quarta con quasi 16 milioni, e Singapore, con poco meno di 15 milioni di turisti. Chiudono la top 10, dal sesto al decimo posto, Kuala Lampur, New York, Istanbul, Tokyo e Antalya.

 

Fonte: agi

Potrebbe interessarti:

Trekking, il “Cammino nella Valle delle Abbazie” dell’Abruzzo teramano
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti