Emirates introduce l’imbarco biometrico sui voli per gli USA, meno di due secondi per i controlli d’identità grazie alla tecnologia di riconoscimento facciale

Print Friendly, PDF & Email

Roma.  Emirates è la prima compagnia aerea al di fuori dell’America a ricevere l’approvazione per l’imbarco biometrico dall’U.S. Customs Border Protection (CBP).


Presto, i clienti che volano da Dubai verso una delle 12 destinazioni di Emirates negli Stati Uniti saranno in grado di scegliere ai gates la tecnologia di riconoscimento facciale, riducendo il tempo impiegato per i controlli di identità a due secondi o anche meno. Non è richiesta alcuna registrazione preventiva e i clienti possono anche scegliere di non utilizzare la tecnologia. Emirates non memorizza alcun record biometrico dei propri clienti: tutti i dati sono gestiti in modo sicuro da CBP.

La tecnologia è già stata sperimentata ai gates dei voli Emirates da Dubai diretti a New York e Los Angeles durante i periodi di punta di luglio e agosto. I risultati sono stati incoraggianti con alcuni voli per i quali il 100% dei passeggeri ha scelto l’imbarco biometrico invece dei classici controlli. La compagnia aerea prevede di rendere disponibile l’imbarco biometrico per tutte le sue destinazioni negli Stati Uniti entro la fine dell’anno.

Al gate di imbarco, il sistema scansiona la foto del passeggero, che viene confrontata con la galleria di CBP in tempo reale per verificare l’identità della persona in due secondi o meno. Il sistema potrebbe non funzionare per coloro che non hanno viaggiato negli Stati Uniti per un lungo periodo di tempo o le cui immagini non si trovano nella galleria del CBP, nel qual caso possono semplicemente avvicinarsi ai gate desk.

A giugno, Emirates aveva implementato l’imbarco biometrico per i passeggeri sui suoi voli Washington-Dubai. La compagnia aerea prevede di adottare questa tecnologia in tutti i suoi aeroporti di destinazione negli Stati Uniti. Attualmente Emirates vola in 12 città degli Stati Uniti: New York, Newark, Boston, Chicago, Dallas, Houston, Los Angeles, San Francisco, Seattle, Washington, DC, Orlando e Fort Lauderdale. Nell’ottobre dello scorso anno, Emirates ha lanciato il primo percorso biometrico al mondo per offrire ai clienti un viaggio agevole e continuo all’aeroporto internazionale di Dubai.

Fonte: Emirates

Potrebbe interessarti:

Al via l’Oktoberfest, attese 6 milioni di persone a Monaco di Baviera

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti