I 5 posti in Sudafrica ideali per un digital detox


Roma. Con il rientro in città, aumenta la voglia di pensare già alla prossima fuga, anche se sembra ancora un miraggio. Se il desiderio è quello di staccare da tutto e fare il pieno di energia, il Sudafrica offre molte opportunità: ecco cinque eco-lodge in destinazioni remote, ideali per disintossicarsi dalla tecnologia e riconnettersi con la natura.


 
Qui il wifi non prende: Copia Eco Cabins, Western Cape
Senza wifi e con pochissimo campo, le Copia Eco Cabins sono il luogo perfetto per una fuga lontano da tutto e da tutti, circondati da imponenti catene montuose e cieli stellati. Situata a Keisseskraal Farm, non lontano da Botrivier (Western Cape), la struttura comprende tre sistemazioni di design, realizzate con container riciclati e legno ricavato localmente. Ogni eco-cabina può ospitare fino a un massimo di due persone e dispone di un letto king-size, cucina, doccia, terrazza esterna, vasca idromassaggio e camino, da accendere durante i mesi più freddi. Nei dintorni è possibile svolgere varie attività, come escursioni nella Riserva Naturale di Kogelberg, trekking e arrampicata, ma anche pesca con la mosca, diving e golf. In alternativa, con una degustazione di vini sudafricani al tramonto non si sbaglia mai.
 
Segnale limitato: Mtentu Lodge, Eastern Cape       
Immerso nell’incontaminata Wild Coast, sulle sponde del fiume Mtentu, Mtentu Lodge è uno dei tesori nascosti dell’Eastern Cape. Le meraviglie naturali qui sono infinite: spiagge chilometriche, cascate scenografiche, un estuario abitato da tartarughe nell’adiacente riserva di Mkambati e molto altro ancora. Per questo motivo, Mtentu Lodge è perfetto per una vacanza attiva all’aria aperta, durante la quale risalire l’estuario del fiume in canoa passando sotto le cascate, dedicarsi allo stand up paddle, fare un giro a cavallo sulla spiaggia, un tuffo nell’Oceano Indiano o semplicemente rilassarsi nel lodge ammirando il panorama. Il lodge offre diverse sistemazioni, dalle case interamente realizzate in legno, alle esclusive tende private, fino a un’area campeggio attrezzata. Il lodge dista un’ora e mezza dal più vicino insediamento urbano ed è alimentato a gas ed energia solare. Le tariffe includono tè e caffè illimitati.

Segnale molto limitato: Bakkrans Nature Reserve, Cederberg
Conosciuta come una delle zone più selvagge del Sudafrica, la Riserva naturale Bakkrans è un’area di 6.000 ettari per lo più inesplorata, situata nella parte orientale della Cederberg Wilderness Area, a tre ore di macchina da Cape Town. Circondata da catene montuose ricche di biodiversità e di pitture rupestri, questa riserva quasi totalmente disabitata è il luogo ideale per stare lontano dalle distrazioni del mondo digitale. Le opzioni di alloggio includono le tradizionali case in pietra con tetto di paglia e arredamento in stile contadino, che si confondono alla perfezione con il paesaggio circostante. Tra le attività, si consigliano la Geology and Rock Art Trail o il Leopard Trail, uno dei pochi sentieri dove, con un po’ di fortuna, è possibile avvistare i leopardi.

Nessun segnale: Highlands Mountain Retreat, Golden Gate National Park, Free State
Annidato tra le colline sinuose dei Monti Maluti, nel Free State, il Golden Gate Highlands National Park è stato creato per promuovere la conservazione del bioma delle praterie sudafricane. Per scoprire le oltre 50 specie di piante presenti nel parco, Highlands Mountain Retreat è un ottimo punto di partenza: arroccato in cima a una collina, a 2.200 metri sul livello del mare, l’eco-resort è composto da otto casette in legno distanziate tra loro, con affaccio privilegiato sulle colline. Highlands Mountain Retreat è ideale come punto di partenza per il Ribbok Trail, uno dei sentieri più apprezzati per esplorare il Golden Gate.

Qui non c’è campo (e nemmeno wifi): Tankwa Karoo National Park, Northern Cape
Famoso per ospitare l’Afrika Burn, il Burning Man sudafricano, il Tankwa Karoo National Park è una destinazione mozzafiato, senza connessioni con il mondo esterno. Il parco, situato a circa 70 km a ovest di Sutherland, in prossimità del confine tra Northern e Western Cape, è l’unica regione arida al mondo riconosciuta per la sua biodiversità. Grazie alla sua posizione remota, all’aria fresca e ai cieli notturni, è uno spot privilegiato per guardare le stelle. Il parco offre opzioni di alloggio per tutti i budget, tra cui lodge di lusso (come l’esclusivo Elandsberg Wilderness Camp o il Tankwa River Lodge), ma anche sistemazioni più spartane e campeggi.
 
Cose da sapere prima di visitare il Tankwa Karoo:
Nel parco non ci sono negozi, telefoni pubblici e ATM;
Non sono presenti distributori di benzina, quindi meglio fare il pieno prima di arrivare;
L’illuminazione esterna è molto limitata, pertanto si consiglia di portare con sé una torcia o una luce frontale per le escursioni notturne.

Potrebbe interessarti:

Generazione Z: la lista dei viaggi da fare almeno una volta nella vita
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti