Grande successo per la mostra “ Canova. Eterna bellezza ” con oltre 10 mila visitatori nei primi giorni di apertura

Print Friendly, PDF & Email
Canova. Eterna bellezza

 


Roma. Grande successo per la mostra “Canova. Eterna bellezza” con oltre 10 mila visitatori nei primi giorni di apertura. Anche nel finesettimana del 26 e 27 ottobre ingresso straordinario fino alle ore 22.


Ingressi da record nei primi 9 giorni dell’apertura della mostra “Canova. Eterna bellezza”. Dal 9 al 17 ottobre sono stati infatti oltre 10 mila i visitatori che hanno scelto di visitare al Museo di Roma in Palazzo Braschi l’esposizione dedicata al massimo esponente della scultura neoclassica. Un boom di presenze sopratutto durante il weekend, che ha visto l’ingresso, tra sabato 12 e domenica 13 ottobre, di circa 3.000 persone.

 

Per soddisfare la grande richiesta e agevolare i visitatori, nei prossimi due fine settimana, sabato e domenica 19 e 20 e poi 26 e 27 ottobre, l’orario di apertura della mostra sarà prolungato eccezionalmente fino alle ore 22.00 (la biglietteria chiuderà alle 21.00).

 

L’esposizione, che vanta oltre 170 opere di Canova e di alcuni artisti a lui contemporanei, continuerà – fino al 15 marzo – a proiettare i visitatori all’interno di magiche atmosfere alla scoperta di opere giunte a Roma da alcune tra le più grandi collezioni di Canova al mondo.

Incorniciate all’interno di un allestimento di grande impatto visivo e raccolte in 13 sezioni, le opere in mostra raccontano l’arte canoviana e il contesto che lo scultore trovò giungendo nell’Urbe nel 1779.

Attraverso ricercate soluzioni illuminotecniche, lungo il percorso espositivo sarà rievocata la calda atmosfera a lume di torcia con cui l’artista, a fine Settecento, mostrava le proprie opere agli ospiti, di notte, nel suo atelier di via delle Colonnette.

 

La mostra è promossa dall’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale, prodotta dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e Arthemisia, e organizzata con Zètema Progetto Cultura – è curata da Giuseppe Pavanello e realizzata in collaborazione con l’Accademia Nazionale di San Luca e con Gypsotheca e Museo Antonio Canova di Possagno.

 

Fonte: Zètema

Potrebbe interessarti anche:

Roma, Impressionisti segreti in mostra a Palazzo Bonaparte
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti