Nasce San Paolo District: al via la nuova vita dell’ex deposito Atac San Paolo

Print Friendly, PDF & Email

Roma, nasce San Paolo District: l’ex deposito Atac San Paolo torna a nuova vita grazie al progetto di valorizzazione urbana temporanea di Urban Value.


Un anno fa (era il 22 novembre 2018) veniva presentato alla città il progetto di rigenerazione urbana temporanea degli ex depositi Atac, sviluppato e realizzato da Urban Value in collaborazione con Atac e il Comune di Roma, che ha dato nuova vita all’ex deposito Vittoria di Piazza Bainsizza ora denominato “PratiBus District”, all’ex rimessa Tuscolana situata in Piazza Ragusa che ora si chiama “Ragusa Off”, inaugurata lo scorso dicembre, e l’ex rimessa San Paolo in via Alessandro Severo che è stata inaugurata sabato 26 ottobre con il nuovo nome di “San Paolo District”.

L’obiettivo annunciato a novembre 2018 era quello di trasformare i 23.000 mq degli ex depositi abbandonati da anni in contenitori versatili e internazionali destinati ai pubblici più variegati, quasi 12 mesi dopo “la sfida è stata vinta e gli obiettivi raggiunti” dichiara Simone Mazzarelli, CEO di Urban Value. Questo progetto di rigenerazione urbana temporanea è stato davvero inclusivo – tantissime imprese e associazioni ne hanno potuto usufruire – eterogeneo nei contenuti e trasversale nel pubblico che è riuscito a coinvolgere (dai bambini agli anziani). Dall’avvio del progetto a oggi ci sono pervenute 1.400 richieste fra le quali sono stati selezionati i contenuti migliori”.

Oltre 300.000 visitatori hanno preso parte alle tante attività organizzate a  PratiBus District e Ragusa Off che in questi mesi hanno ospitato eventi aziendali, iniziative sociali e di charity, fiere, shooting fotografici e produzioni cinematografiche e televisive, mercatini e grandi eventi.

In termini economici, fino ad oggi, l’operazione di rigenerazione urbana temporanea, a fronte di un investimento iniziale da parte di Urban Value di 1.079.000 euro, ha attratto investimenti per 8.000.000 di euro e ha generato un indotto generale di 13.715.641 euro per la città.

Il vantaggio per Atac è stato altrettanto considerevole. Dove prima Atac doveva sostenere solo costi di manutenzione e vigilanza gestendo il degrado e i disagi per la cittadinanza, ora gli immobili sono riattivati e generano considerevoli profitti: ben 313.265,00 euro ovvero più 100% rispetto al canone concordato con Urban Value in fase contrattuale, oltre a tutte le spese di vigilanza, manutenzione gestione e utenze.

San Paolo District

Sabato 26 ottobre ha preso ufficialmente il via la nuova vita anche dell’ex deposito San Paolo. Sorto nel 1928 in una città molto diversa da quella attuale, dove il quartiere così come è oggi, di fatto, non esisteva e la vicina Garbatella era solo un progetto su carta, viene chiuso nel 2004 e nel 2015 viene sottoposto a vincolo di interesse storico-artistico da parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Oggi la struttura, che si trova a pochi metri dalla metro San Paolo, diventa un contenitore di attività temporanee. Per le caratteristiche dell’immobile e per la posizione San Paolo District ospiterà prevalentemente mercati di diversa tipologia fra enogastronomia e artigianato, con attività per tutti, dai più piccoli ai più grandi.

Tra le prime attività che animeranno San Paolo c’è il “Farmer’s Market” di produttori a kilometro zero che sarà aperto il sabato e la domenica e ospiterà anche uno spazio ristoro che userà i prodotti degli espositori.

I restanti 5.000 mq saranno dedicati all’organizzazione di eventi che promuovono l’ambito agroalimentare italiano, la sua filiera e il Made in Italy in generale (artigianato, abbigliamento, ecc.) oltre ad eventi culturali, sociali, sportivi, musicali.

“La rigenerazione urbana del patrimonio è un processo che va costruito quotidianamente con l’impegno di tutte le istituzioni e il supporto delle cittadine e dei cittadini” commenta il Presidente del Municipio Roma VIII, Amedeo Ciaccheri. A San Paolo l’ex Deposito Atac testimonia come sia possibile recuperare uno spazio urbano in disuso, trasformandolo in un’occasione per il quartiere e la città.

Potrebbe interessarti

 Ultimi giorni dei “Viaggi nell’antica Roma” al Foro di Cesare e di Augusto
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti