Cercare l’estate in autunno: fuga in barca verso il sole è il consiglio di Sailogy

Print Friendly, PDF & Email
Sailogy

 


Le mete consigliate da Sailogy per una vacanza autunnale tra le onde, ma all’inseguimento dell’estate e per tutte le tasche.


Se l’estate è un ricordo di cui si sente ancora la nostalgia e il tormentone che inietta il buonumore è lo sciabordio delle onde, pianificare una vacanza in barca per i prossimi mesi potrebbe essere un’idea vincente. Sailogy, la piattaforma online di noleggio barche, con una flotta di oltre 22,000 imbarcazioni tra barche a vela, barche a motore, catamarani e caicchi, consiglia le migliori mete per i viaggiatori che non possono fare a meno di respirare il profumo del mare e salpare per la stagione invernale.

 

Infatti, non solo una vacanza di questo tipo può essere l’occasione giusta per ristabilire un contatto con la natura e prendere una pausa dagli impegni, ma può essere un’alternativa per visitare Paesi lontani da una prospettiva nuova, e vivere qualche flashback della stagione estiva. Il tutto, senza necessariamente preventivare un budget proibitivo, vista la possibilità di tirare una riga su alcune voci di spesa come hotel e ristorante. Ecco quindi alcune destinazioni da esplorare solcando le onde e in cui rifugiarsi quando nel nostro emisfero imperversa la brutta stagione.

 

Ritmi caraibici

 

Isole Vergini, Cuba, Martinica, Saint Vincent e Grenadine. Sono solo alcuni nomi che portano subito la mente a paradisi da cartolina, puzzle fatti di mare turchese e spiagge bianche, con palme che sfiorano il cielo. I Caraibi sono la destinazione giusta per chi ha voglia di mare con la M maiuscola e di atmosfere esotiche. Questi luoghi evocano da sempre il relax e un ritmo di vita più lento e hanno stregato anche intellettuali del calibro di Hemingway, che, innamorato di Cuba, ha tramandato al vecchio continente un vero e proprio assaggio dell’isola: il mojito. Salpare alla volta di queste coste potrà essere l’occasione per vivere queste destinazioni a 360 gradi, e farsi coinvolgere dall’allegria e dal ritmo di queste isole durante le incursioni sulla terraferma. La fusione tra la natura e lo spirito delle popolazioni locali è infatti uno degli aspetti che fanno di una vacanza in barca la scelta giusta per chi non vuole rinunciare a conoscere entrambe le anime di questi Paesi.

 

 

Una settimana da Buddha

 

Thailandia, ovvero restare senza fiato davanti alla natura incantata e ai templi millenari. Se uno dei sogni nel cassetto è un mix di mare e cultura, ma diverso da quello che caratterizza il bacino del Mediterraneo, il Sud est asiatico offre l’opportunità di scoprire luoghi imperdibili. Alle spiagge da film qui si alternano infatti le testimonianze architettoniche dei più celebri templi buddhisti, maestosi e spirituali. La scelta di un itinerario in barca è quella più indicata per chi è alla ricerca di spiagge non ancora affollate dai turisti, perché spesso sono quelle con un accesso più limitato, come quelle raggiungibili solo via mare. Un altro motivo per il quale scegliere di visitare questo Paese poi, è sicuramente la cucina Thai: che si tratti di specialità a base di riso, noodles o pesce, l’armonia delle spezie lascerà un ricordo inconfondibile. E, per chi si sentisse già sicuro nel muovere i primi passi in un’avventura gastronomica asiatica, il tentativo di cucinare a bordo una ricetta del posto con ingredienti locali potrebbe essere alla base di una serata divertente, con una cornice insolita (e galleggiante) per superare i propri limiti (in cucina).

 

 

Un mare di bellezza

 

A chi è alla ricerca di relax assoluto e vuole dimenticarsi completamente della routine quotidiana e nevrotica, l’Oceano Indiano regala due gioielli, chiamati Maldive e Seychelles. Atolli famosissimi, con una barriera corallina e una fauna oceanica da ammirare durante le immersioni subacquee, e una vegetazione incontaminata nell’entroterra. Un viaggio in barca può essere un modo per scoprirle però in modo diverso dal solito, partendo proprio dalla bellezza del litorale che sarà davvero al centro del viaggio, da alternare poi con la conoscenza dei luoghi più impervi. Inoltre, potrebbe anche essere l’occasione per osservare un cielo notturno tra i più affascinanti: dall’osservatorio astronomico dell’isola di Baa si può scorgere persino Saturno. Una cornice perfetta per l’atmosfera intima che si crea con un’esperienza a bordo, dalla quale si torna sempre più vicini e affiatati.

 

Potrebbe interessarti anche:

Asiago Foliage: colori e profumi della montagna
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Recuperate due opere d’arte trafugate

La U.S. Immigration and Customs Enforcement (ICE – L’Agenzia per le dogane e l’immigrazione statunitense)e la U.S. Customs and Border Protection (CBP – l’agenzia per la dogana ...
Vai alla barra degli strumenti