I trend di viaggio 2020 secondo Booking.com

Print Friendly, PDF & Email

Con l’avvicinarsi del nuovo anno gli operatori rilevano i trend previsionali sulle preferenze e i comportamenti dei viaggiatori.
Da Booking.com a PiratinViaggio, tutti concordi sul leit motiv 2020: saranno sostenibilità, experience e avventura a orientare le scelte di viaggio.


Ecco le 8 tendenze di viaggio 2020 in base al sondaggio di Booking.com

  1. Rivincita delle mete meno conosciute e sostenibilità

 Nel 2020 aumenterà la scelta di mete meno note contribuendo a ridurre il turismo di massa e a proteggere l’ambiente. Il 54% dei viaggiatori a livello mondiale ha dichiarato di voler contrastare il fenomeno dell’overtourism, il 51% sceglierebbe una meta meno nota, ma simile a quelle più famose, per avere un minore impatto ambientale.
Per trovare ispirazione, il 60% dei viaggiatori userebbe app o siti web che consigliano mete in cui l’aumento del turismo potrebbe avere un impatto positivo sulla comunità locale.

  1. Tecnologia

Cresceranno l’esigenza e l’uso della tecnologia nel processo decisionale del viaggio. La tecnologia  darà consigli “smart” e permetterà di trovare nuove esperienze.

Il 46% dei viaggiatori userà un’app per prenotare facilmente attività in tempo reale , mentre il 44% ne userà una per pianificare le attività da fare una volta a destinazione. Il 2020 vedrà il debutto di nuove applicazioni basate sull’Intelligenza Artificiale che daranno consigli personalizzati su mete,  posti dove soggiornare e cose da fare a seconda  delle preferenze dell’utente.

3. Slow tourism

 Il 2020 sarà all’insegna della “lentezza”. Il 48% dei viaggiatori ha intenzione di usare mezzi di trasporto più lenti per contribuire a ridurre l’impatto ambientale. Il 61% farà un tragitto più lungo per gustarsi il viaggio. Aumenterà l’uso di bicicletta, tram, slitte e barche.

Il 57% del campione è disposto a impiegare più tempo per arrivare a destinazione, pur di usare un mezzo di trasporto meno comune o che dia l’impressione di fare un tuffo nel passato, come per esempio l’Orient Express o la Transiberiana

  1. Attività

Nel 2020 sempre più persone sceglieranno destinazioni dove poter fare più attività possibile. Il 54% sceglierebbe una meta che offra tutte le attività e le attrazioni preferite, e il 62% vorrebbe che fossero vicine l’una all’altra per risparmiare tempo. Per rispondere a questo trend non sarà più sufficiente proporre un’attività, ma occorrerà costruire itinerari curati, ricchi di offerte e indicazioni.

  1. Fido e Felix

 Il 42% di chi possiede un animale sceglierà la meta per le vacanze in base alla possibilità di portare con sé il proprio animale e il 49% è disposto a pagare di più per soggiornare in un luogo pet friendly. Secondo questo trend, aumenteranno le strutture con servizi pet friendly, come cucce gratuite per cani, spa per animali, menù per il servizio in camera e ristoranti creati su misura.

  1. In viaggio con i nonni

Nonni e nipoti insieme per viaggi memorabili. Il 72% dei nonni pensa che stare in compagnia dei nipoti li faccia sentire giovani e il 71% che i genitori abbiano bisogno di passare più tempo in coppia. In aumento i viaggi transgenerazionali.

7. Food trend

 Il cibo avrà un ruolo fondamentale nel decidere quale meta visitare. Molti viaggiatori sceglieranno la meta in base alla possibilità di riuscire a prenotare un tavolo nei ristoranti con liste d’attesa lunghe mesi. I social media alimenteranno questa esigenza, che non si limiterà solo ai ristoranti più famosi, ma coinvolgerà anche posti fuori dai circuiti turistici tradizionali, apprezzati per i sapori locali e la qualità dei prodotti.

  1. Pensare alla pensione

 Il 23% dei millenians vorrebbe dire addio al mondo del lavoro a 55 anni. Nel 2020 inizieranno a programmare i viaggi che faranno una volta lasciato il mondo del lavoro. Il 65% degli intervistati ritiene che questo sia un ottimo modo per passare il tempo libero.

Il 47% sceglierà i viaggi più avventurosi quando andrà in pensione, il 19% di chi ha già lasciato il lavoro pensa di prendersi un anno sabbatico per viaggiare, e il 52% dei partecipanti allo studio ritiene che si possa fare a qualsiasi età.

NOTA

Ricerca commissionata da Booking.com e condotta in modo indipendente su un campione di adulti che hanno effettuato un viaggio negli ultimi 12 mesi/che intendono effettuare un viaggio nei prossimi 12 mesi. In totale, sono stati intervistati 22.000 partecipanti (inclusi 1.000 per Australia, Germania, Francia, Spagna, Italia, Cina, Brasile, India, USA, Regno Unito, Russia, Indonesia, Colombia e Corea del Sud, e 500 partecipanti per Nuova Zelanda, Thailandia, Argentina, Belgio, Canada, Danimarca, Hong Kong, Croazia, Taiwan, Messico, Paesi Bassi, Svezia, Singapore e Israele). I partecipanti hanno completato un sondaggio online tra il 9 e il 28 agosto 2019.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti