Cultura ed ecosostenibilità i trend di viaggio del 2020 secondo PiratinViaggio

Print Friendly, PDF & Email

Saranno cultura e sostenibilità i trend di viaggio a dominare nel 2020 secondo un sondaggio di PiratinViaggio.


Sembrerebbe che i viaggiatori del nuovo decennio siano stanchi di viaggi e vacanze mordi e fuggi.

Al ritorno a casa vorrebbero portare con sé qualcosa, tornare alla vita quotidiana con un dono in più.
E’ vero che, viaggiatore o turista che uno sia, secondo un proverbio cinese ‘tornati da un viaggio non si è mai la stessa persona che è partita

Il rientro porta sempre con sé un valore aggiunto, anche se il soggiorno è stato all’insegna della velocità, se si è girato come trottole tra monumenti, strade o attrazioni e al ritorno ci si è sbracati stanchi morti sul minuscolo sedile di un low cost.

Ma preparare un viaggio anche breve in modo consapevole è un’altra storia.

Partire per visitare una mostra, una città d’arte, scoprire quello che un luogo può offrire fuori dai circuiti convenzionali, ci fa sentire meglio e ci diverte di più.

Vediamo cosa hanno detto gli utenti del sondaggio effettuato da Piratiinviaggio su un campione di più di 2000 utenti al fine di rilevare modalità di viaggio e mete per il 2020.

Purtroppo l’Italia non è tra le prime destinazioni europee.
Gli utenti che scelgono l’Europa prediligono la Grecia, che si conferma al top della classifica, scelta per le sue acque cristalline, seguita dalla Spagna, e dal Portogallo.

Gli USA rimangono la meta extraeuropea più richiesta, seguono Giappone e Cuba scelta per le sue spiagge e le danze a ritmo di salsa.

Che l’Italia non sia la meta top europea fa un po’ male se si considera che il 47% degli italiani ha dichiarato di scegliere un viaggio in base alla possibilità di vivere esperienze culturali o partecipare ad attività che permettano di scoprire i segreti della destinazione (40%).

L’Italia si aggiudica però il primato di meta in pole position per un fine settimana: l’84% ha dichiarato di voler trascorrere almeno un week end visitando località italiane: prima in classifica la Toscana (34%), perfetta in primavera per degustare un calice di vino, segue Trentino ‘’Alto-Adige’’ (21%) per i mesi invernali.

Il target dei millennials si orienterà sull’ecosostenibilità cercando di ridurre o contenere l’impatto ambientale. Tendenza meno riscontrata tra gli over 40.

L’82% degli intervistati è propenso a viaggiare in modo più sostenibile, acquistando prodotti locali (51%) o soggiornando in strutture ecosostenibili (40%):

Il 90% degli utenti tra i 18 e i 24 anni sarebbe disposto a viaggiare “green” per ridurre le emissioni di Co2, preferendo il treno all’aereo se i biglietti fossero meno costosi. La propensione a soggiornare in un B&B (38%) conferma il trend di fare una vacanza a impatto zero e vivere esperienze locali autentiche.

 

Il 61% degli utenti ha intenzione di andare in vacanza almeno due volte nel 2020 e più del 30% vorrebbe fare un viaggio alla scoperta di foreste tropicali, deserti e, addirittura, del Polo Nord.

Cambieranno le modalità di prenotazione?

Nonostante la modalità di prenotazione prevalente rimanga quella di affidarsi alle offerte e ai pacchetti viaggio proposti dal web (26%), appare un ‘nuovo’ trend: il 25% degli utenti sceglie la destinazione delle vacanze in base alla conoscenza del posto, mentre per l’11% ritorna il vecchio e caro passaparola di amici o conoscenti.

Tra le tipologie di viaggio più richieste, il 32% degli intervistati predilige le vacanze con formula a pensione completa, mentre il 15% si orienta sulle crociere, per visitare più località. Il 28% opterà per un roadtrip che permette di scoprire ed esplorare nuovi paesi senza rinunciare alla libertà di movimento.

FONTE: PiratinViaggio

POTREBBE INTERESSARTI

Turismo spaziale: il 75% degli italiani partirebbe per un viaggio nello spazio
I trend di viaggio 2020 secondo Booking.com
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti