Australia: le 10 esperienze per scoprire l’Uluru-Kata Tjuta National Park

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Almeno una volta nella vita è capitato a tutti di ammirare le immagini di una delle icone più famose d’Australia: Uluru. Il celebre monolito, situato nell’Uluru-Kata Tjuta National Park, luogo profondamente sacro per la cultura e la spiritualità della popolazione aborigena, rappresenta una delle mete imperdibili durante un viaggio nel Northern Territory.


Il Parco accoglie ogni anno numerosi visitatori provenienti da tutto il mondo per ammirare le sue meraviglie naturali e per conoscere la millenaria cultura aborigena. Al suo interno è possibile vivere tantissime esperienze: dai tour al tramonto alle cene nel deserto, fino alle escursioni in cammello o in bicicletta.

Ecco una top 10 delle migliori attività per rendere ancora più indimenticabile la visita di questo straordinario luogo naturale e culturale:

1. Meravigliarsi di fronte a Uluru: diversi sono i percorsi attorno alla base del monolito che consentono di ammirare da vicino questa icona: dalla breve Mala Walk (2km andata e ritorno) al tour completo di 10,6km. La maggior parte dei percorsi è privo di barriere architettoniche adatti anche ai visitatori con disabilità.
 
2. Passeggiare tra le cupole di Kata Tjuta: a venti minuti d’auto da Uluru, è possibile raggiungere il suggestivo sito di Kata Tjuta con le sue imponenti 36 cupole. Qui è possibile ammirare queste formazioni rocciose con la Walpa Gorge Walk (2,6km) oppure scegliendo il percorso più lungo Valley of the Winds (7,4km).  

3. Scoprire l’arte indigena con Maruku Arts: attraverso i wokshop con artisti aborigeni organizzati da Maruku Arts, i visitatori possono approfondire e toccare con mano la cultura locale, e cimentarsi nella creazione della propria opera d’arte utilizzando i simboli tradizionali e la tecnica dot point.

4. Immergersi in un Field of Light – Field of Light Uluru è la famosa installazione luminosa dell’artista Bruce Munro che da aprile 2016 continua a emozionare i suoi visitatori. L’opera d’arte è formata da 50.000 sfere alimentate a energia solare che si colorano al calar del sole regalando uno spettacolo di luci  nel cuore del deserto.

 5. Coniugare arte e shopping al Wintjiri Arts and Museum: presso il Wintjiri Arts and Museum situato all’Ayers Rock Resort, il complesso alberghiero che sorge nei pressi del parco, è possibile ammirare le opere d’arte aborigena realizzate da artisti locali, e allo stesso tempo dedicarsi allo shopping scegliendo tra i vari prodotti artigianali in esposizione: dai dipinti agli ingredienti del bush fino ai profumatissimi saponi a base di fiori australiani.

6. Deliziarsi open air: il Red Centre regala uno dei cieli stellati più belli al mondo e non c’è niente di meglio che goderselo con la cena Sound of Silence: tre portate accompagnate da vini australiani e l’intervento di un astronomo a illustrare i pianeti e le galassie del cielo australiano. 

7. Cavalcare, pedalare o uscire in moto: camminare non è l’unico modo per esplorare l’Uluru-Kata Tjuta National Park. Si può noleggiare una bicicletta o un segway per un tour intorno al monolito, oppure una Harley Davidson, o ancora partecipare a un’escursione in cammello per ammirare l’alba o il tramonto.
 
8. Farsi guidare nel cielo stellato: il Family Astro Tour dell’Ayers Rock Resort è un’attività coinvolgente per adulti e bambini, un’introduzione al mondo dell’astronomia interattiva per scoprire il firmamento dell’Outback. L’attività è gratuita per i bambini fino a 15 anni accompagnati da un adulto pagante.

9. Ammirare dall’alto: Skydive Uluru propone agli amanti degli sport estremi una prospettiva a “volo di uccello” sul parco organizzando lanci con il paracadute in tandem. Per i meno coraggiosi una valida alternativa sono i voli in elicottero.

10. Scoprire di più e gratis: l’Ayers Rock Resort offre a tutti gli ospiti un ampio ventaglio di attività gratuite finalizzate alla scoperta del territorio e della cultura aborigena: dalle passeggiate nei giardini per conoscere le piante native alla dimostrazione di cucina con ingredienti locale.

Informazioni: www.northernterritory.com/it  

Potrebbe interessarti:

Camminata tra gli olivi con le Città dell’olio, domenica 27 ottobre
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti