29, 30, 31 dicembre Capodanno a Genova: tre notti di festa a Piazza De Ferrari

Print Friendly, PDF & Email
Genova capodanno

 


Il Capodanno 2020 a Genova dura tre notti, dal 29 al 31 dicembre! Piazza De Ferrari sarà teatro di Musica, spettacolo e arte. Tra gli artisti Gabry Ponte, Boomdabash e Giusy Ferreri.


Genova, l’unica città italiana, con un Capodanno lungo tre notti. Musica, spettacolo, arte,  per tutti i gusti, a condurre per mano Genova verso un 2020 energico e creativo. Sarà una grande festa all’aperto il Capodanno di Genova, che quest’anno si farà in tre per accontentare tutti e offrire ai turisti un programma di serate vario e del tutto originale, iniziando già da domenica 29 dicembre per concludersi naturalmente nella notte di San Silvestro.Genova

Piazza De Ferrari si trasformerà per tre giorni in un palcoscenico all’aperto, per un’entusiasmante partenza in musica del 2020, con un continuo alternarsi di cantanti, Dj, youtuber e rapper. Il tutto sarà diretto, animato e condotto da Alberto Pernazza, che molti ricorderanno nel gruppo degli Ex Otago, ora anche opinionista in radio e tv, dopo una lunga esperienza anche come trend-setter, esperto di moda, musica e costume insieme con Dj 7&8 del genovesissimo Giovanni Carrara come dj resident.
Tutto inizierà con i Mates, domenica 29 dicembre, 
che avranno il compito di aprire la tre giorni di festeggiamenti. Si tratta del gruppo di creator più seguito sul web, nato nel 2015 grazie all’incontro di Anima, St3pny, Surry e Vegas, vere e proprie star di internet a cui, nel 2018, si è unito Jayden, la mascotte umanoide con le sembianze di un panda, nel ruolo di produttore musicale.

Seguirà  il momento della musica di Gabry Ponte, dj di fama mondiale oltre che produttore discografico e conduttore radiofonico, che anima dal 1993, con la sua musica, le discoteche italiane e non solo, scalando le classifiche dance nazionali e internazionali e vincendo premi prestigiosi nel campo discografico, tra cui diversi dischi di platino. Gabry Ponte ha collaborato e collabora con importanti artisti del panorama musicale: nel 1998 comincia la sua collaborazione con Maurizio Lobina e Jeffrey Jey (Gianfranco Randone) con i quali crea gli Eiffel 65, da cui si separerà nel 2005. Dagli anni Duemila sono usciti decine di singoli, oltre a una serie di raccolte con remix e tre EP, affermandosi grazie anche la vendita, ogni anno, di milioni di dischi.

Lunedì 30 dicembre, i protagonisti saranno gli Awed e i suoi amici, un trio di giovanissimi youtuber che rispondono ai nomi di Simone Paciello, in arte Awed, youtuber, scrittore e attore italiano; Riccardo Dose, anche lui youtuber e attore italiano che ha fatto dell’ironia e della parodia i suoi caratteri distintivi; altro componente del gruppo è Amedeo Preziosi. Il tris di giovani artisti sono tutti particolarmente famosi, amati e seguiti sul web dal pubblico più giovane: ad esempio Awed ha un canale che raccoglie 2,2 milioni di iscritti con 588 milioni di visualizzazioni dei suoi video. La serata proseguirà poi, con i Boomdabash, una delle migliori raggae band d’Italia. D’origine salentina, nascono nel  2002 come classico jamaican sound system, fondato da Blazon, attuale deejay e produttore del quartetto. Progressivamente i Boomdabash cambiano connotati percorrendo un sentiero di evoluzione artistica che sfocia nella realizzazione del primo lavoro ufficiale, “UNO” (2008). Dell’originario sound system ormai è rimasto ben poco e i Boomdabash ben presto diventano un gruppo musicale a tutti gli effetti, in una carriera che lo  scorso  maggio li  ha visti festeggiare 15 anni di attività. Per arrivare infine  all’uscita di “Mambo salentino” hit featuring Alessandra Amoroso, certificata doppio disco di platino risultando la hit estiva più amata e ballata dell’estate 2019.

L’ultimo giorno, martedì 31 dicembre, l’appuntamento della lunga notte di Capodanno prevede una sorpresa.  La festa entrerà nel vivo con un’artista del calibro di Giusy Ferreri che ha bisogno di poche presentazioni. L’artista di origine palermitana è stata protagonista nel 2008 della I edizione del talent show italiano “X Factor”, questa esperienza le ha permesso di affermarsi in campo discografico con diversi EP e a partecipare a tre edizioni del Festival di Sanremo nel 2011, 2014 e 2017 rispettivamente con Il mare immenso, Ti porto a cena con me e Fa talmente male. Nel 2015 la canzone “Roma-Bangkok”, in cui Giusy Ferreri duetta con Baby K, si afferma come tormentone dell’estate, cosa che si è ripetuta nel 2018, quando vince insieme a Takagi & Ketra, il Wind Summer Festival 2018 con Amore e capoeira.

Saranno ancora molte le sorprese che Genova vuole svelare per la notte di Capodanno!
«Genova si sta scoprendo sempre più dinamica e viva. – dichiara Marco Bucci, sindaco di Genova – Ogni volta che organizziamo eventi in città la risposta è sempre più alta, così abbiamo deciso di creare un momento speciale per il Capodanno promuovendo una festa che ci porterà al 2020 non lunga una notte, ma tre. Questo è un modo per soddisfare i gusti artistici di più persone possibili, far vivere la città il più possibile durante le festività natalizie e promuovere a livello turistico Genova offrendo eventi di livello a corredo delle straordinarie bellezze che possiamo offrire».

Il Capodanno di Genova lungo tre notti  non vedrà solo spettacoli in piazza, Genova è infatti città d’arte che offre mostre e musei ospitati in palazzi di straordinaria bellezza,  come i Musei di Strada Nuova, collocati a Palazzo Bianco e Palazzo Tursi, compresi nell’elenco dei Palazzi dei Rolli, Patrimonio dell’Umanità Unesco e saranno aperti per la notte di San Silvestro.
Da non perdere le grandi mostre di Palazzo Ducale, il contenitore culturale della città. 
Come quella che, nella Loggia degli Abati, rende omaggio a 120 anni dalla sua nascita al grande regista americano Alfred Hitchcock. Lo fa attraverso fotografie e video grazie ai quali il visitatore può percorrere un affascinante viaggio nel backstage dei più importanti film di Hitchcock prodotti dalla Universal Pictures, scoprendo particolari curiosi sulle scene più famose, sugli effetti speciali utilizzati durante le riprese e sulla vita privata del regista e dei suoi attori.  Una sezione della mostra è dedicata ad un ingrediente fondamentale per il successo dei film di Hitchcock: la musica. E’ infine prevista una sezione di approfondimento sui rapporti tra Alfred Hitchcock e la Liguria (una scena del film “The pleasure Garden” fu infatti girata alla Stazione Marittima di Genova).
Oppure la mostra Il secondo principio di Banksy. Opere di un artista chiamato Banksy. Dove guerra, capitalismo e libertà sono i temi di attualità indagati attraverso le opere dello street artist di fama internazionale. L’esposizione include dipinti, stampe a tiratura limitata, sculture e oggetti rari, molti dei quali saranno esposti per la prima volta. L’esposizione è arricchita da un’infografica sulla cronologia dell’artista, ampie schede storiche sulle opere con documentazione fotografica, testi a muro con sue citazioni da libri, i «black books» originali, poster originali di sue mostre, banconote contraffatte, palloncini «I am an imbecile» usati a Dismaland e alcuni video.
Terza mostra di grande richiamo è, infine, Anni Venti in Italia. L’età dell’incertezza, un viaggio di indagine attraverso le arti plastiche e pittoriche di quel periodo per interpretare e comprendere al meglio quel momento storico cruciale. A margine dell’esposizione ci sarà la possibilità di una “Cena con delitto” prevista per la sera del 31 a Palazzo Ducale, proietta il visitatore in quel mondo elegante e affascinante, attraversato tuttavia da tensioni e conflitti ancora tutti chiarire come in un’indagine di omicidio.

La proposta  dell’ Acquario di Genova arricchisce questa lunga panoramica sulle festività di fine anno nel capoluogo ligure con un Capodanno che consentirà di  festeggiare la fine del vecchio e l’arrivo del nuovo anno immersi nella magia del mare. Novità di questa edizione è lo speciale Capodanno all’Acquario JUNIOR dedicato esclusivamente ai ragazzi dai 5 agli 11 anni. Un’opportunità per le famiglie di festeggiare insieme, ma con programmi distinti per adulti e bambini, in una serata che avrà inizio alle ore 20.00 con la visita libera al percorso espositivo alla scoperta della vita notturna degli abitanti delle vasche. A seguire il cocktail di benvenuto e poi  la serata con il Gran Cenone e il brindisi di mezzanotte nella splendida cornice del Padiglione Cetacei.

Non poteva mancare all’appello, per il divertimento di tutti e di tutte le fasce di età, la 19° edizione del Circumnavigando Festival Internazionale di Circo e Teatro, che fino al 6 gennaio sarà nell’area del Porto Antico. Sempre più folle e coinvolgente, ha questa volta come titolo “Fool immersion” e vedrà, come ogni anno, intrattenere e coinvolgere il pubblico con spettacoli imperdibili durante tutto il periodo delle Feste.

Anche i teatri genovesi propongono diverse occasioni di festeggiare in modo originale la fine del 2019: il 28 e il 29 dicembre 2019 il Teatro Politeama Genovese ospita il classico musical di Natale “A Christmas Carol”. Dalla penna di Charles Dickens ecco trasformarsi in realtà la storia di Ebenezer Scrooge, un ricco e avaro uomo d’affari, che disdegna tutto ciò che non sia legato al guadagno e al denaro. E che la vigilia di Natale, grazie alla visita di tre fantasmi, cambierà completamente la sua miserabile vita.
Mercoledì 1° gennaio 2020 al Teatro Carlo Felice, alle 16, va invece in scena il Concerto di Capodanno con l’irresistibile Janoska Ensemble accompagnata dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice, una tradizione che renderà più bello e buonaugurante il primo giorno dell’anno.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Campidoglio: Capodanno, 1000 artisti per 24 ore della Festa di Roma 2020
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti