Codacons su secondary ticketing, inapplicata la legge per l’oscuramento dei siti

Print Friendly, PDF & Email

Codacons: gli italiani continuano a subire le conseguenze del secondary ticketing, la vendita online di biglietti a prezzi maggiorati per concerti ed eventi. Inapplicata la legge che prevede l’oscuramento dei siti di bagarinaggio.


Mentre politici e società del comparto musicale litigano sulla legge contro il secondary ticketing, gli utenti italiani continuano a subire le conseguenze negative del bagarinaggio online. Lo afferma il Codacons – associazione che per prima in Italia ha sollevato il problema del bagarinaggio online – commentando le dichiarazioni del presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera, Sergio Battelli, contro Assomusica.

Nello scontro tra politica e settore della musica gli unici a farne le spese sono gli utenti, ancora oggi vittime del secondary ticketing” spiega il presidente Carlo Rienzi”. “Tuttora e nonostante le novità normative introdotte nell’ultimo anno i siti secondari vendono biglietti di concerti ed eventi a prezzi maggiorati, spesso astronomici quando si tratta di esibizioni di grandi artisti nazionali ed internazionali. Questo avviene anche perché rimangono inattuate le misure previste dalla nuova normativa, come l’oscuramento dei siti di bagarinaggio e la rimozione dei contenuti, provvedimenti che se attuati in tempo reale, ossia mentre avvengono gli illeciti, sarebbero un ottimo deterrente contro il secondary ticketing ed eviterebbero ai consumatori e agli amanti di musica di incappare nelle speculazioni sui prezzi dei biglietti” conclude Rienzi.

Fonte: Codacons

Potrebbe interessarti:

  Secondary Ticketing, Codacons: nessuna buona notizia, bagarinaggio online prosegue
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti