Ferrante Night, nelle Librerie Feltrinelli si aspetta l’uscita del nuovo romanzo

Print Friendly, PDF & Email

Stasera in tutta Italia si attende l’uscita del nuovo romanzo di Elena ferrante con la “Ferrante Night”. A partire dalle 21.30 le Librerie Feltrinelli di Milano (Buenos Aires), Roma (Torre Argentina) e Napoli (Piazza dei Martiri) aspettano la mezzanotte con letture e docu-film dedicate all’amatissima e misteriosa scrittrice.


È Elena Ferrante mania. Cresce l’attesa tra gli appassionati della misteriosa scrittrice, che ha conquistato i lettori di tutto il mondo, per il suo nuovo romanzo La vita bugiarda degli adulti (Edizioni e/o) in uscita il prossimo 7 novembre.

In anteprima, le Librerie Feltrinelli di Milano corso Buenos Aires, Roma Largo Torre Argentina e Napoli Piazza dei Martiri organizzano una serata speciale dedicata al romanzo, prima che il romanzo esca.

Mercoledì 6 novembre, alla vigilia dell’uscita, dalle ore 21.30 fino a mezzanotte, si condividerà l’attesa con letture attoriali in anteprima di brani tratti dall’ultimo romanzo: a Napoli saranno affidate all’attrice Rosaria De Cicco; a Milano toccherà invece agli attori del Piccolo Teatro, mentre a Roma saranno le due scrittrici Annalena Benini e Antonella Lattanzi a leggere le pagine del nuovo romanzo della Ferrante.

Ad arricchire la serata, anche la proiezione del docu-film Ferrante Fever realizzato a partire dalle interviste di testimoni autorevoli, dalla traduttrice della Ferrante ai colleghi scrittori come Roberto Saviano, Francesca Marciano, Elizabeth Strout e Jonathan Franzen. A laFeltrinelli Roma il film sarà introdotto dallo stesso regista e sceneggiatore Giacomo Durzi e dalla co-sceneggiatrice Laura Buffoni.

Allo scoccare della mezzanotte verrà finalmente svelato il nuovo romanzo e i partecipanti alla serata potranno acquistarlo in anteprima.

Per il momento del nuovo libro della Ferrante si conoscono solo queste righe:

«Due anni prima di andarsene di casa mio padre disse a mia madre che ero molto brutta. La frase fu pronunciata sottovoce, nell’appartamento che, appena sposati, i miei genitori avevano acquistato al Rione Alto, in cima a San Giacomo dei Capri. Tutto – gli spazi di Napoli, la luce blu di un febbraio gelido, quelle parole – è rimasto fermo. Io invece sono scivolata via e continuo a scivolare anche adesso, dentro queste righe che vogliono darmi una storia mentre in effetti non sono niente, niente di mio, niente che sia davvero cominciato o sia davvero arrivato a compimento: solo un garbuglio che nessuno, nemmeno chi in questo momento sta scrivendo, sa se contiene il filo giusto di un racconto o è soltanto un dolore arruffato, senza redenzione».

Potrebbe interessarti:

 
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti