I fregi dei Carracci dialogano con la modernità

Print Friendly, PDF & Email

Bologna. Dal 22 novembre a Palazzo Fava gli affreschi dei Carracci dialogheranno con 31 opere d’arte moderna e contemporanea provenienti dalla collezione della Fondazione Cassa di Risparmio.


Una mostra mette in dialogo gli affreschi dei Carracci con 31 opere d’arte moderna e contemporanea provenienti dalla collezione della Fondazione Cassa di Risparmio a Bologna, molte mai esposte al pubblico: un confronto tra epoche e stili alla ricerca di affinità tematiche.

È “Il fregio dei Carracci-Opere a confronto”, in programma dal 22 novembre al 16 febbraio a Palazzo Fava, in occasione delle celebrazioni per i 400 anni dalla morte di Ludovico Carracci.

Alla base c’è un lavoro di ricerca nei caveaux, condotto da Benedetta Basevi e Mirko Nottoli, storici dell’arte di Genus Bononiae, per individuare opere con attinenze tematiche. Così, ad esempio, Il Dittatore folle di Galileo Chini, dipinto in occasione delle celebrazioni per l’arrivo di Hitler nel 1938, rimanda al minaccioso Polifemo incontrato da Enea in Sicilia, mentre i nudi di Nicola Samorì documentano il ciclico ritorno del classico nella storia dell’arte, analogamente a quanto fecero i tre Carracci allo scadere del Cinquecento.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

  Giulio Romano a Mantova. La mostra al Palazzo Ducale e visita alla città
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Nuova Caledonia, un paradiso marino incontaminato

Nel mezzo dell’Oceano Pacifico, nella zona Sud-Occidentale, si trova la Nuova Caledonia, frammento di un antico continente alla deriva patrimonio dell’UNESCO. Scoperta dall’esploratore britannico James ...
Vai alla barra degli strumenti