Monferrato, Alessandria e Asti. Guida alle città e al territorio, il libro di Elisa Pasino

Print Friendly, PDF & Email
Monferrato

 


Monferrato, Alessandria e Asti.Guida alle città e al territorio è il libro di Elisa Pasino pubblicato da Morellini editore. Una guida al territorio nato da una storia d’amore, al sito entrato nel 2014 nella lista del Patrimonio dell’Umanità Unesco, alle due città principali – Alessandria e Asti – e ai borghi che ne rappresentano l’anima.


Da giovedì 7 novembre è in libreria la quinta guida della collana ‘Italia da scoprire’ “Monferrato, Alessandria e Asti. Guida alla città e al territorio” dell’alessandrina Elisa B. Pasino, giornalista, direttrice del bimestrale “I like it Magazine” e già autrice per Morellini delle guide “New York al femminile” (2016 e 2019 seconda edizione), “Londra al femminile” (2018) e del manuale “Prête-à-partir. Tutti i consigli per la viaggiatrice perfetta” (2017); di prossima uscita, nel 2020, “Parigi al femminile”.

In questa guida Elisa B. Pasino conduce il lettore alla scoperta delle dolci colline del Monferrato da vivere in ogni stagione dell’anno, grazie ai luoghi naturali, ma anche alla cultura e all’arte, all’enogastronomia e agli itinerari amati da chi pratica gli sport outdoor, come i Campionissimi del ciclismo e gli appassionati del trekking e del golf. Qui si intrecciano le Strade del Vino e il Circuito degli infernòt, i locali scavati sotto le case e privi di aerazione e di luce in cui si conservano il vino e gli alimenti deperibili.

In questa terra che diede i natali a grandi nomi della cultura nazionale – il pittore Giuseppe Pellizza da Volpedo, lo scultore Leonardo Bistolfi, il semiologo Umberto Eco e lo scrittore Giorgio Faletti, solo per citarne alcuni –  e nata dalla storia d’amore di Adelasia e Alerano, come narra la leggenda, sono numerosi gli spunti per organizzare una gita fuori porta tra le strade del vino del Monferrato Astigiano che comprende ben 73 comuni e centinaia di aziende vitivinicole, i percorsi nei parchi naturali come quello di Rocchetta Tanaro, nelle riserve naturali di Castelnuovo Scrivia  o della Valle Sarmassa, visitare l’Art Park La Court dedicato ai quattro elementi, i numerosi castelli di età medievale oppure andare alla ricerca delle Big Bench, le panchine giganti sparse sul territorio nate da un’idea dell’americano Chris Bangle.

Tra le mete imperdibili segnalate dall’autrice, la Cappella del Paradiso del Sacro Monte di Serralunga di Crea, il labirinto dei giardini nel Castello di Gabiano, l’Ecomuseo della Pietra de Cantoni a Cella Monte, il borgo di Montiglio Monferrato con le sue cento meridiane, il Complesso monumentale del Convento di Santa Croce e Ognissanti voluto da Papa Pio V a Bosco Marengo, il palazzo ad Asti dove visse Vittorio Alfieri, la Fontana della Bollente (75 °C) ad Acqui Terme e il Museo dei Campionissimi di Novi Ligure.

Una sezione della guida è dedicata alle due province del Monferrato e ai loro dintorni: Alessandria, città nota in tutto il mondo per i cappelli Borsalino, e Asti, comune invece noto per lo spumante.
Oltre a questi due importanti centri, viene dato rilievo a paesi, borghi e cittadine che rappresentano il cuore del Monferrato con le loro eccellenze: Casale Monferrato e Nizza Monferrato, Acqui Terme, Ovada, Valenza Po, Tortona e Cannelli.

Completano la guida i consigli per lo shopping dei prodotti tipici come i krumiri e gli amaretti, i vini (Barbera in primis), le birre e i salumi, e i migliori ristoranti dove assaggiare le specialità locali, tra le quali la bagna caoda, o rifocillarsi con una semplice ma gustosa e genuina merenda sinoira.

 

Il prossimo incontro con l’autrice si terrà nell’ambito della rassegna letteraria Bookcity Milano il 16 novembre, ore 16, presso il negozio ChiAma Milano in via Laghetto 2; con Carlo Cerrato, Roberto Livraghi e Pierluigi Prati e la collaborazione di Alexala, Agenzia Turistica Locale della provincia di Alessandria.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Padova al femminile, la guida di Morellini editore della città a misura di donna
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti