eDreams: metropoli hi-tech come Tokyo o scintillanti come Londra e Parigi tra le più amate per le Feste, mentre Praga convince e Napoli stupisce

Print Friendly, PDF & Email

Che si tratti del più classico degli alberi di Natale, immancabile in ogni casa, oppure delle luminarie che impreziosiscono vie e vetrine, la luce è uno degli elementi che concorrono alla creazione dell’atmosfera magica delle Feste. E gli italiani ne sanno qualcosa, a giudicare dalle mete scelte per queste vacanze invernali. eDreams svela le destinazioni più popolari per Natale 2019 e Capodanno 2020 tramite i dati delle prenotazioni effettuate da gennaio a ottobre sul sito eDreams e attraverso l’APP. 


Santa Claus, Santa-san e Mikulas: chi porta i regali ai viaggiatori italiani?

Niente è come passare il Natale con i propri cari per i nostri connazionali, come dimostrano Catania, Milano e Palermo, le città italiane nella top 10 delle mete in assoluto più richieste, tutte in posizioni più alte rispetto alla classifica 2018. Oltre a queste, però, fanno capolino diverse metropoli internazionali, come Londra: la città conferma infatti un primo posto conquistato già l’anno scorso. Lo spettro dell’imminente Brexit continua a spingere gli italiani ad approfittare del periodo in cui non sono ancora necessari visto e passaporto per passeggiare all’ombra del Big Ben, mantenendo costanti gli arrivi dal Belpaese. Al terzo posto si trova New York, che invece domina la classifica delle mete più in crescita per Natale 2019. 

Curiosa proprio l’analisi delle destinazioni che sono cresciute maggiormente nel corso di quest’anno; le prime sono due metropoli che nel periodo natalizio traboccano di gioia e di luci, anche se con uno stile opposto: New York e Tokyo. Sono quasi raddoppiati, infatti, gli italiani che vogliono ricevere i regali da Santa Claus in una delle cornici natalizie più classiche, e che hanno programmato un break nella Grande Mela (+91%). Segnano un +43% i connazionali che visiteranno invece la capitale dell’impero del Sol Levante: qui il Natale è però una festa dedicata agli innamorati, e al concetto di amore in generale. La versione locale di Babbo Natale si ispira proprio al personaggio occidentale, ed è chiamata appunto Santa-san, mentre l’atmosfera natalizia è ricreata con eventi come l’Hikari No Saiten, il Festival che si tiene ogni anno a nord di Tokyo fino al 25 dicembre, con uno spettacolo di più di 70.000 luci. Terza posizione per Praga, che, con un aumento di visitatori del 36%, permetterà a molti di scoprire le radici più antiche della tradizione delle strenne: qui il protagonista è infatti Mikulas, ovvero San Nicola, che ha ispirato il mito moderno. Quanto alle date di partenza, la maggior parte degli italiani partirà il 21 dicembre (15%).

La luce è il fil rouge che guida anche chi parte per Capodanno: è Parigi, la ville lumière, la più amata dagli italiani per il veglione di quest’anno, che scala una posizione della classifica rispetto al 2019. In aumento anche le preferenze per Amsterdam, che passa dal quarto al secondo posto, mentre Londra ancora una volta è sullo stesso gradino del podio dello scorso anno, il terzo. Anche per questa ricorrenza cresce Praga: al quarto posto assoluto, vede lievitare gli arrivi dal nostro Paese del 154%.

Le destinazioni più in crescita tra quelle scelte per dire addio al 2019 riuniscono invece alcune città che celano segreti e misteri. La meta al top è nostrana e custodisce luoghi carichi di fascino sia in superficie che nel sottosuolo; si tratta di Napoli, che è tra l’altro l’unica città della Penisola della top 10. Praga, universalmente nota per le sue leggende, è al secondo posto di questa classifica. Terza posizione per Eindhoven, rinomata per il design, con un +130%. In aumento anche i visitatori che puntano a destinazioni come Marrakesh (+69%), la città imperiale che svela tra i vicoli della medina sontuosi palazzi, Lisbona (+50%), nell’antichità ritrovo di occultisti e oggi culla del fado, e Budapest (+41%), la perla del Danubio, nata dall’unione di due città storiche.

Potrebbe interessarti:

Apre a Bologna la mostra “Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna”
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti