Mostre d’arte a Natale, da Canova a Raffaello

Print Friendly, PDF & Email

Da Milano a Napoli mostre per tutti i gusti.


I prossimi giorni di festa possono essere l’occasione giusta per scoprire o riscoprire il fascino di un museo o per approfittare di una mostra. Da Roma a Milano, dal cinema di Sergio Leone o da quello di Federico Fellini al fascino della pittura del grande Raffaello o della scultura neoclassica, ce n’è davvero per tutti.

ROMA – “C’era una volta Sergio Leone” è il grande viaggio nel mondo del regista divenuto un mito con i suoi film proposto all’Ara Pacis dal 17 dicembre al 3 maggio: un percorso multisensoriale, per conoscere l’attività cinematografica e approfondire aspetti personali, tra film e fotografie, costumi e bozzetti, ricordi di famiglia, interviste e documenti inediti (chiuso il 25/12 e il 1/01).

MILANO – Per la prima volta il confronto tra due giganti della scultura attraverso 160 opere: prosegue fino al 15 marzo alle Gallerie d’Italia – Piazza Scala la grande mostra “Canova | Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna”. Il percorso documenta le diverse soluzioni adottate dai due artisti, entrambi capaci di rivoluzionare la scultura e la sua tecnica attraverso opere classiche e moderne al tempo stesso (chiuso 25/12 e 30/12). A Palazzo Reale fino al 19 gennaio la grande mostra dedicata a de Chirico, geniale protagonista dell’arte del XX secolo: nell’esposizione gli enigmi, i misteri pittorici, i temi e le riflessioni dell’artista sono raccontati da vicino per permettere un ritratto esaustivo e affascinante, attraverso opere provenienti da istituzioni italiane e straniere (sempre aperto, anche Natale e Capodanno).

URBINO – A Palazzo Ducale – Galleria Nazionale delle Marche continua fino al 19 gennaio il grande omaggio per celebrare i 500 anni dalla morte di Raffaello con la mostra “Raffaello e gli amici di Urbino”: il progetto mette in relazione la nascita e lo sviluppo della rivoluzione pittorica operata dal grande artista con l’attività dei suoi contemporanei (tra cui Genga e Viti) e il contesto vissuto nella cittadina marchigiana (chiuso il 25/12 e il 1/01).

TORINO – Fino al 26 gennaio alla Wunderkammer GAM è possibile approfondire la conoscenza del grande scrittore e intellettuale Primo Levi nella mostra “Figure”: il percorso presenta una selezione di oggetti realizzati in filo metallico (per lo più di rame), tutti oggetti destinati agli scaffali dello studio dello scrittore oppure a essere regalati agli amici più cari, in cui si manifestano la sua abilità manuale e la fantasia. Chiude il 6 gennaio la grande monografica “Atti divini” che la Venaria Reale dedica a David LaChapelle: 70 opere di grande e grandissimo formato per immergersi completamente nell’arte visionaria del fotografo americano. Per la prima volta sono esposte anche alcune opere inedite della nuova serie di LaChapelle New World (2017-2019) in cui l’artista esprime lo stupore per il sublime e la ricerca della spiritualità in scene di utopia tropicale (sempre aperto tranne il 25/12).

RIMINI – Ancora un protagonista del cinema e della cultura italiani, questa volta a Castel Sismondo: è la mostra “Fellini 100 Genio immortale”, dal 14 dicembre al 15 marzo, allestita nel centenario della nascita del regista. Un racconto emozionante, immersivo e multimediale, attraverso film, costumi, fotografie, disegni e tanti documenti anche inediti, per restituire il mondo di sogni e visioni di Fellini, artista capace di rappresentare la propria generazione e un Paese intero, ma anche di prevedere i tempi.

REGGIO EMILIA – Uomo di cinema, scrittore, fumettista, personaggio dal forte impegno politico, uno dei protagonisti della cultura italiana del ‘900, celebrato e studiato in Italia e all’estero: dal 14 dicembre al 1 marzo Palazzo da Mosto ospita “Zavattini oltre i confini”, mostra che offre un ritratto dell’artista e definisce il suo ruolo all’estero. Nel percorso materiali documentari e iconografici (tra carte originali, dattiloscritte e manoscritte, annotazioni autografe, insieme a fotografie, video, manifesti e libri) che raccontano tutte le attività di Zavattini, nonché i rapporti con altri artisti e intellettuali (chiuso solo il 25/12).

NAPOLI – Alla Basilica della Pietrasanta il mito di Andy Warhol: fino al 23 febbraio 200 opere – tra icone, ritratti, polaroid e disegni – raccontano il padre della Pop Art con la sua capacità di stravolgere qualunque definizione estetica precedente (sempre aperto).

FIRENZE – “Enigma Pinocchio. Da Giacometti a LaChapelle” è l’omaggio al burattino di Collodi in programma a Villa Bardini fino al 22 marzo: 60 opere in mostra – tra sculture in legno, ferro e cartapesta, dipinti, bronzi, foto e video – svelano le tante sfaccettature di un’icona della cultura italiana (chiuso 25/12 e 1/1, aperto alla Befana).

Fonte: Ansa 

Potrebbe interessarti:

Ryanair trasporta oltre 11 milioni di passeggeri durante il periodo di Natale
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti