La “Casa del Frutteto” di Pompei si apre ai visitatori in anteprima

Print Friendly, PDF & Email

Pompei. Riapre a febbraio la Casa del Frutteto, antica domus di un ricco vinaio pompeiano. Oggi e domani l’occasione unica di visitare la casa in anteprima e di assistere al restauro.


È una delle case più belle di via dell’Abbondanza, dove tuttora i restauratori sono al lavoro per completare il recupero degli affreschi, e ora è stata restituita al pubblico. La Casa del Frutteto, appartenuta probabilmente a un ricco vinaio dell’antica Pompei, viene riaperta con i fondi ordinari e non più del Grande Progetto Pompei, che ormai volge al termine. L’ipotesi dell’appartenenza della domus è emersa quando, durante gli scavi del Maiuri nel 1951, nel giardino della casa furono rinvenute molte anfore destinate a contenere vino. Tra gli utensili della casa si trovò anche un grande bollitore, che i romani utilizzavano per riscaldare l’acqua da mescolare al vino.

Oggi e domani i visitatori della Casa del Frutteto hanno avuto la possibilità di osservare da vicino, in anteprima, i meravigliosi affreschi della domus, mentre i restauratori sono ancora all’opera: ambienti di una bellezza sorprendente, che riproducono le essenze arboree utilizzate nei giardini. Limoni, corbezzoli, peri, ciliegi, susini che forniscono documentazione delle piante esistenti nei luoghi abitati. L’apertura ufficiale al pubblico è prevista a febbraio.

Al termine del restauro, i colori saranno resi vividi da una innovativa illuminazione a led che avrà la caratteristica di essere priva di tutte le bande d’onda che potrebbero modificare la bellezza degli affreschi. È uno degli accorgimenti che porterà il parco archeologico di Pompei a diventare sempre più “eco-compatibile“. ”La Soprintendenza del Parco archeologico di Pompei propone questa anteprima” ha detto il direttore generale del Parco, Massimo Osanna “che introduce idealmente, grazie al tema dei giardini, l’offerta natalizia, che quest’anno è tutta ‘green’. Ci teniamo a segnalare l’importanza che stiamo dando alla ‘natura’ non solo come ricostruzione paleobotanica delle realtà antiche, quindi con il lavoro del nostro laboratorio di ricerche applicate, ma anche con la ricostruzione di giardini storici, o con la installazione di giardini che vengono impiantati dove non c’erano indicazioni ma si installano nella maniera adeguata a quella antica”.

Avevamo già aperto altre case con queste caratteristiche. In queste vacanze potranno essere visitate Case che avevamo già aperto con giardini rinnovati, come quella dell’Ancora e quella degli Amorini dorati” aggiunge Osanna. “Adesso stiamo lavorando, e dal 23 sarà visitabile, alla Casa di Trittolemo, quella di Marco Lucrezio, e la Casa dell’Efebo con il giardino rinnovato”. La promessa di Osanna è che ”questo luogo diventerà sempre più compatibile: stiamo lavorando al ripristino della Pineta, che ha molti pini ammalati, con un progetto che prevede l’impianto anche di nuove essenze, e intanto pensiamo al progetto dei nuovi uffici”. Al termine del restauro della Casa del Frutteto, verrà installato anche un nuovo impianto di videosorveglianza e tegole fotovoltaiche già sperimentato alla Casa dei Vettii.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

Erutta vulcano in Nuova Zelanda, aperta inchiesta per morte turisti
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti