Chiude San Luigi dei francesi a Roma per il coronavirus

Print Friendly, PDF & Email

Coronavirus, Borrelli: “Oltre 1.500 ammalati, 34 morti, 83 i guariti”. A Roma chiusa San Luigi dei francesi. Stop alle ordinanze “autonome” dei sindaci.


Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo dpcm con le misure per il contenimento dei contagi da Coronavirus.

LE MISURE

Sono “inefficaci” tutte le ordinanze dei sindaci i materia di Coronavirus in contrasto con le misure prese dal governo. Per fermare iniziative fuori asse, si prevede che dopo “l’adozione delle misure statali di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 non possono essere adottate e sono inefficaci – recita la norma – le ordinanze sindacali contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l’emergenza in contrasto con le misure statali”.

In bar, ristoranti, pub, negozi, cinema, musei, chiese o altri luoghi di culto, l’apertura sarà “condizionata” all’adozione di misure che evitino assembramenti di persone. Inoltre, in questi stessi luoghi, bisognerà da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare il cosiddetto ‘droplet’, ovvero la distanza di almeno un metro tra le persone, prevede il Decreto in merito alle nuove disposizioni sull’emergenza Covid-19 e che riguardano – secondo il documento – le province di Bergamo, Lodi, Piacenza, Cremona e nelle città di Savona e Pesaro-Urbino.

Fino all’8 marzo viene confermata dal Dpcm la sospensione degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, oltre che nelle province di Savona e Pesaro e Urbino, prevedeil decreto, che però consente lo svolgimento delle competizioni a porte chiuse. Inoltre, è fatto divieto di trasferta ai tifosi residenti nelle stesse regioni e province per la partecipazione ad eventi e competizioni sportive che si svolgono nelle restanti parti d’Italia.

LA CRONACA

La chiesa di San Luigi dei francesi a Roma è chiusa da oggi “per misure precauzionali” e “fino a nuovo ordine”. E’ quanto si legge sul sito di San Luigi che rinvia ad una decisione dell’ambasciata di Francia a Roma. A San Luigi dunque niente messe né visite. Questa sera non si celebrerà messa neanche a Sant’Ivo dei Bretoni, sempre a Roma. Si tratterebbe della prima disposizione del genere nella capitale forse dovuta al fatto che un sacerdote della diocesi di Parigi, che era stato a Roma, ora è in ospedale in Francia affetto da coronavirus.

IL PUNTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

Sono 1.577 le persone che risultano positive al CoronavirusA queste si aggiungono 34 persone decedute – dunque cinque nell’ultimo giorno – e 83 guariti in tutta Italia. Complessivamente, dall’inizio dell’emergenza sono stati dunque 1.694 i contagiati: è il bilancio fornito dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli. “Un dato positivo è l’incremento dei guariti di 33 unità”. “I tamponi sono oltre 20mila, esattamente 21.127“, ha ahggiunto Borrelli. Sono 639 i ricoverati con sintomi per il coronavirus e 140 quelli in terapia intensiva (di cui 106 in Lombardia), circa il 9% sul totale delle persone positive al virus. “Un dato importante è relativo alle strutture di pre-triage, fuori dagli ospedali, che sono 283”, ha spiegato Borrelli, parlando alla Protezione civile.

Sono diciotto i denunciati in Provincia di Lodi che hanno cercato di eludere i controlli per andare in esercizi pubblici al di fuori della zona rossa, oppure sono entrati nella zona per trovare parenti. Da quanto si è saputo sono stati tutti scoperti negli ultimi giorni dai carabinieri e da altre forze dell’ordine che recintano la zona.

American Airlines ha reso noto di aver sospeso sino al 24 aprile tutti i voli da e per Milano, dall’aeroporto Jfk di New York e da quello di Miami, dopo che gli Usa hanno annunciato di aver alzato l’allerta al massimo livello (4, ossia ‘non viaggiare’) per le aree italiane più colpite dal coronavirus. La compagnia ha citato anche una riduzione della domanda. La Turkish Airlines ha annunciato di aver temporaneamente cancellato tutti i voli per l’Italia. Anche Delta Airline ha annunciato che sospende tutti i voli per Milano sino al primo maggio per l’epidemia di coronavirus. Proseguiranno invece i collegamenti con Roma. La mossa segue quella analoga di American Airlines.

“Al momento sono solo tre i nuovi casi di positività al nuovo coronavirus. Tutti i ricoverati sono in condizioni cliniche che non destano preoccupazioni”. E’ quanto emerge dal nuovo bollettino medico dello Spallanzani. A Milano invece, dopo il dermatologo risultato positivo al coronavirus la scorsa settimana, altri due medici del Policlinico, un infettivologo e un neurochirurgo, sono risultati positivi ai tamponi per il virus Sars-Cov-2, eseguiti presso l’ospedale la scorsa settimana. Entrambi i medici si trovano a casa con sintomi lievi.

In Friuli Venezia Giulia sono risultati positivi al test del coronavirus quattro nuovi casi: uno a Trieste e tre a Udine.

In Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna le attività scolastiche resteranno sospese fino all’8 marzo. Mentre da domani, nel resto d’Italia, tra i banchi, si ripartirà quasi ovunque.

NEL MONDO

L’Iran ha annunciato altri 11 decessi per il coronavirus, sottolineando che il totale complessivo delle vittime nel Paese è salito così a 54 casi. In Croazia – a Zagabria – è stato accertato il settimo caso di contagio da coronavirus. Dei sette contagi, è stato precisato, quattro sono stati accertati a Rijeka (Fiume) e tre a Zagabria. La scoperta di un secondo caso di Coronavirus in Belgio, ad Anversa, è stata annunciata stamani dal ministro della sanità Maggie De Block. Il paziente, che avrebbe soggiornato in Francia, presenta lievi sintomi ma nel complesso, secondo le autorità, le sue condizioni sono buone. Intanto, è stato segnalato che due persone risultati positive al Coronavaris, un lussembughese e una spagnola, sono transitati per il Belgio prima di rientrare in patria dove è stata accertata la loro contaminazione. Primi tre casi di coronavirus in Repubblica ceca: due pazienti sospetti sono stati ricoverati nell’ospedale Bulovka di Praga, il terzo a Usti nad Labem. I loro test sono stati inviati in Germania per la conferma. Uno è un ceco 68enne tornato da una conferenza all’università di Udine. La seconda una statunitense 21enne, che studia a Milano ed era a Praga come turista. Il terzo è un ceco 44enne, rientrato dalle ferie a Auronzo di Cadore nel Veneto. Sua moglie e i bambini sono in quarantena a casa. E sono 130 i casi di Coronavirus confermati in Francia secondo le comunicazioni da parte del direttore generale della Sanità, Jerome Salomon. I guariti sono 12, due i decessi, 116 le persone ricoverate in isolamento, 9 delle quali in gravi condizioni.

 

Fonte: Ansa

 

 

Potrebbe interessarti:

  Coronavirus, le associazioni del turismo chiedono l’apertura dello stato di crisi
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti