Dantedì, le iniziative online del Parco Archeologico del Colosseo

Print Friendly, PDF & Email

Il Parco archeologico del Colosseo partecipa al Dantedì, la giornata istituita dal Mibact in onore del padre della letteratura italiana: online sarà possibile ripercorrere la storia del PArCo attraverso le terzine dantesche che hanno narrato alcune delle vicende della storia di Roma, dalle origini alla fine dell’impero.


In occasione del primo Dantedì, 25 marzo 2020 – giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri che il Consiglio dei Ministri ha approvato su proposta del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini – il Parco archeologico del Colosseo partecipa alla giornata dedicata a Dante Alighieri accogliendo l’invito del MIBACT a condividere con #Dantedì e #IoleggoDante un percorso dantesco all’interno del patrimonio del PArCo.

A partire dalle ore 12.00, orario in cui siamo tutti chiamati a leggere Dante e a riscoprire i versi della Commedia, sul sito web www.parcocolosseo.it e sugli account social Facebook, Instagram, Twitter e Youtube @parcocolosseo sarà possibile ripercorrere la storia del PArCo attraverso le terzine dantesche che hanno narrato alcune delle vicende della storia di Roma, dalle origini alla fine dell’impero.

Foro Romano, Palatino e Fori imperiali conservano oggi le testimonianze tangibili e monumentali dell’esistenza di personaggi storici a cui Dante ha dato voce nelle cantiche della Divina Commedia, assieme alle divinità pagane venerate nei templi dell’area archeologica centrale.

Il pubblico verrà guidato a riscoprire, leggendo le terzine dantesche, le vicende di Enea e del Palladio, il pastore Caco, l’evoluzione del potere attraverso Cesare, il princeps Augusto e Giustiniano, l’umiltà di Traiano davanti a una vedova, fino ad arrivare all’essenza della fede e alla figura di San Pietro, e alle tante divinità tutelari che da sempre hanno popolato il Pantheon romano.

Ad accompagnare il pubblico ci saranno le voci narranti di attori che hanno generosamente dato la loro disponibilità a prendere parte all’iniziativa, ideata e curata dalle funzionarie archeologhe Elisa Cella e Federica Rinaldi. Ad aprire la maratona sarà la voce di Massimo Ghini, seguito da Giuseppe Cederna, Rosa Diletta Rossi e Domenico Cupaiuolo, che accompagneranno per tutto il giorno il pubblico, portandolo a riconoscere i luoghi del PArCo attraverso le parole del sommo poeta di Firenze.

Con il primo Dantedì il PArCo annuncia il Festival Dantesco che avrà luogo alla Basilica di Massenzio nell’estate 2021, con l’organizzazione di Electa.

Il prossimo anno ricorrerà infatti il settecentesimo anniversario della morte del sommo poeta il quale, nel corso dei secoli, ha segnato profondamente tutte le espressioni culturali e artistiche del nostro paese diventando il simbolo della cultura e della lingua italiana nel mondo. Il Festival sarà uno degli appuntamenti più prestigiosi del programma delle celebrazioni dell’anniversario dantesco che avranno luogo nel 2021.

Il Festival Dantesco si articolerà in dieci serate che proporranno l’ascolto e la riflessione su altrettanti temi cari a Dante. Ogni appuntamento presenterà letture di testi del sommo poeta e di inediti di grandi scrittori stranieri e italiani ispirati dalle parole di Dante, esecuzioni musicali dal vivo e un significativo apparato iconografico a illustrare le differenti tematiche. La curatela è affidata a Maria Ida Gaeta, che per la definizione del programma si avvale di studiosi ed esperti quali i professori Giulio Ferroni e Antonio Rostagno.

Potrebbe interessarti:

  Destinazione Italia: 5 motivi per riscoprire Ravenna

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti