La Pasqua bucolica nel Castello storico dell’Umbria

Print Friendly, PDF & Email

Escursioni nella natura e nell’enogastronomia umbra nel millenario Castello di Petroia (PG) che sovrasta una vallata ricca di boschi, pascoli di chianine, praterie e 13 km di sentieri.


Nel paesaggio antico del Castello di Petroia (PG), avvolto da boschi rigogliosi, praterie e pascoli che colorano la grande tenuta dalle tante sfumature del verde, a Pasqua 2020sboccia la primavera, per escursioni enogastronomiche e nella natura dell’Umbria. Alberi secolari di olivo circondano la piscina all’aperto che guarda alle mura millenarie del maniero in cui è nato Federico da Montefeltro, sbocciano i fiori dei frutteti, le api volano dalle arnie alla ricerca di nettare, le chianine brucano l’erba e 13 km di sentieri invitano a passeggiate bucoliche. In questo paesaggio, in cui la storia si fonde con la natura, a poca distanza dai più bei borghi dell’Umbria, come Gubbio, Assisi e Perugia, il ristorante del Castello di Petroia imbandisce il 12 aprile 2020 una cena di Pasqua speciale. Tortino di fave e pecorino con gamberi al vapore e uova di quaglia; ravioli di ricotta di capra con demy glace profumata all’arancia, sono solo alcuni dei piatti ideati dallo Chef Walter Passeri, abbinati a pregiati vini bianchi e rossi DOC Umbria della cantina del Castello. Il prezzo della cena di Pasqua è di 45 euro a persona, tutto compreso. Per il soggiorno, 3 notti con colazione e cena di Pasqua per 2 persone, sono a partire da 486 euro. Le sere del 10, 11 e 13 aprile il ristorante del Castello rimarrà aperto con menu alla carta. In molte camere c’è la possibilità di avere letti aggiunti per bambini e ragazzi.

 

Potrebbe interessarti:

Pasqua e Pasquetta al Castello di Gropparello con la Caccia all’uovo di drago
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti