Roma, commercio: consentite aperture mercati idonei al rispetto delle misure sanitarie

Print Friendly, PDF & Email

La priorità è quella di garantire a clienti ed esercenti le condizioni idonee al mantenimento delle condizioni fisiche e ambientali idonee al contrasto dei contagi.


A seguito del DPCM dell’11 marzo 2020, recante misure  stringenti per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, l’Assessorato allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale, di concerto con la Polizia Locale, ha inviato una nota esplicativa a tutti i Municipi in materia di aperture dei mercati sul territorio cittadino.

Rispetto al commercio, in linea con le prescrizioni nazionali, la priorità è quella di garantire a clienti ed esercenti le condizioni idonee al mantenimento delle condizioni fisiche e ambientali idonee al contrasto dei contagi. In relazione ai mercati, sono consentite le “attività dirette alla vendita di soli generi alimentari”.

Per chiarezza di informazioni e al fine di rendere omogenea l’azione amministrativa dell’Ente su tutto il territorio capitolino, si ribadisce che i mercati che possono esercitare sono solo quelli strutturalmente adeguati, tali cioè da permettere al gestore di controllare gli accessi in modalità contingentata e implementare una soluzione organizzativa atta a mantenere la distanza interpersonale di almeno ad 1 metro, onde evitare possibili assembramenti.

Laddove non siano rispettate o rispettabili tutte le condizioni volte a minimizzare il rischio sanitario – come, ad esempio, nei mercati saltuari e nei mercati su sedi improprie – non sarà possibile esercitare, pena la sospensione di tutte le attività coinvolte.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Roma

 

Potrebbe interessarti:

Roma, chiusi Tourist Info Point, Ufficio Relazioni con il pubblico e Sportello attività ricettive, Centri Formazione Professionale e Scuole Arti e Mestieri
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti