Coronavirus a Roma, stop ai mezzi pubblici dopo le 21

Print Friendly, PDF & Email

Roma. A partire da oggi, il servizio metro-ferroviario e di superficie sarà interrotto alle 21.00, in linea con le disposizioni del decreto ministeriale contro il diffondersi del coronavirus.


Parte il nuovo piano di trasporto pubblico a Roma in considerazione dell’emergenza sanitaria e per contenere la diffusione del virus COVID-19. Roma Capitale ha adottato il programma di esercizio presentato da Atac e Roma Tpl che prevede l’ultima corsa di metro, bus e tram alle ore 21 e la riduzione estiva dei trasporti. La rimodulazione tiene conto del calo della domanda ed è in linea con quanto previsto dal decreto ministeriale.

A partire da oggi, il servizio di superficie e metropolitano sarà interrotto alle 21 e riprenderà al mattino. Inoltre sarà operativa la riprogrammazione del servizio di superficie con orario estivo. Già da ieri è sospeso il servizio notturno di superficie. Maggiori dettagli sono reperibili sul sito https://www.atac.roma.it/.

In ottemperanza all’Ordinanza della Regione Lazio saranno garantiti i servizi minimi essenziali privilegiando l’integrazione tra le varie modalità, favorendo quella con minore possibilità di contatto tra persone e scegliendo, tra più soluzioni atte a garantire sufficienti servizi di trasporto, quella che permetta maggiore superficie disponibile per i viaggiatori e comunque almeno un metro di distanza tra i passeggeri. Obiettivo garantire la massima sicurezza per utenti e operatori.

Le aziende di Tpl manterranno i livelli di servizio adeguati sulle linee di superficie che consentono collegamenti con le strutture sanitarie e ospedaliere e con le realtà produttive in servizio.

Tali provvedimenti sono stati condivisi con la Regione Lazio seguendo un programma preciso e strutturato.

Fonte: Comune di Roma

Potrebbe interessarti:

  L’effetto coronavirus sul turismo italiano
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti