6 cose da fare in Valsugana

Print Friendly, PDF & Email

In Valsugana lo sport e il divertimento si intrecciano con la bellezza dei laghi e con quella di Arte Sella, la galleria d’arte a cielo aperto, dove puoi ammirare opere create dall’uomo e cesellate dal vento. 

Con l’arrivo della bella stagione la Valsugana si spoglia dell’abito bianco e si colora di verde e di azzurro. Azzurro come le acque dei Laghi di Caldonazzo e Levico, Bandiere Blu di Legambiente, perfette per praticare sport d’acqua come il SUP e la canoa o per una rilassante passeggiata lungo le sponde. Si colora di verde, come quello dei campi che ti scorrono a fianco quando percorri in bici la famosa ciclabile della Valsugana. Verde come i prati su cui ti stendi dopo una nuotata, per farti abbracciare dal sole.  Di sicuro avrai tante cose da fare. Tra tutte queste, ne abbiamo scelte 6, da vivere in primavera ed estate.

Lo sport sul lago

Come fai a spiegare a chi decide di restare a riva il piacere di salire sulla tavola o in canoa e, pagaia in pugno, scoprire spiagge e posti segreti che gli altri non vedranno mai? Tu sei lì, in equilibrio tra l’azzurro del lago e quello del cielo, nel silenzio della montagna, mentre gli altri sono lontani, fermi sull’arenile a guardare.

In Trentino, a meno di mezz’ora di auto da Trento, i laghi di Levico e di Caldonazzo sono l’ideale per una vacanza di sport a pelo d’acqua. Circondati dal fresco dei boschi, i due laghi sono stati insigniti della Bandiera Blu per la purezza delle acque e la qualità dei servizi. I numerosi centri nautici sulla riva ti permettono di noleggiare le attrezzature necessarie ai vari sport d’acqua: canoe, tavole da SUP, pedalò, barche ecc.

In bici tra laghi e meleti in fiore

 Se ami la bici probabilmente hai già sentito parlare della ciclabile della Valsugana, un lungo percorso che parte dal paese di Pergine Valsugana, in Trentino, e arriva fino a Bassano del Grappa, in Veneto. Ottanta chilometri da percorrere in bici, mentre costeggi il lago di Caldonazzo prima e il fiume Brenta poi, attraversando meleti, campi coltivati e borghi di montagna. Un itinerario neanche troppo faticoso, che ti riempie gli occhi e rimette in moto muscoli e polmoni, dopo il letargo invernale.

Una ciclabile immersa nella natura che si è aggiudicata il premio della stampa agli ‘”Italian green roads award 2020″, l’ Oscar italiano del cicloturismo, che ogni anno premia le più belle vie verdi d’Italia che riescono a coniugare territorio, cultura e gastronomia.

Per provarla, l’ideale è percorrere la parte iniziale, da Pergine a Borgo Valsugana (30 km circa). Una passeggiata facile che abbiamo percorso in una mattina di primavera, quando il sole di maggio già cominciava a scaldare le acque del lago.

Aperitivo al lago

Sei stato al lago tutto il giorno, per inseguire il vento su una tavola da windsurf o, più semplicemente, per stenderti al sole con un libro e la tua musica preferita. Ciò che conta è che a fine pomeriggio incontrerai i tuoi amici per l’aperitivo. Che cosa sceglierai oggi? Le eleganti bollicine del Trentodoc che accarezzano il palato o una fresca birra artigianale, magari prodotta sul territorio? Ad accompagnare calice o boccale ci pensano i formaggi tipici del Trentino e i gustosi salumi a chilometro zero.

Una passeggiata ad Arte Sella

In Valsugana si trova un bosco secolare dove natura e arte si fondono, sassi, tronchi e foglie prendono vita, e l’impossibile diventa realtà. Un museo all’aperto, un processo creativo, un modello di interazione tra uomo e ambiente in continua evoluzione: questo è Arte Sella. Un bosco secolare, dove natura e arte si fondono e il cambio delle stagioni modella le opere d’arte. Se sei in Valsugana, non puoi assolutamente perderti Arte Sella.

Dormire in un castello

Hai mai dormito nella stanza di un castello? Stenditi su di un soffice letto, chiudi gli occhi e immagina quante storie hanno vissuto quelle pareti che ora accolgono te, dopo tanti secoli. A poco più di 20 minuti da Trento, il sogno di trascorrere la notte in un vero castello può diventare realtà. Lungo la strada che collega il capoluogo trentino a Venezia, sulla cima di colle Tegazzo, si staglia Castel Pergine, antica fortificazione che domina tutta la Valsugana. Un tempo sede di antichi guerrieri, oggi ospita un elegante albergo e un raffinato ristorante ed è punto di riferimento di chi ama l’arte e la musica, grazie ai numerosi eventi che trovano spazio tra le sue possenti mura.

Vacanze in tenda, camper o bungalow

Il sole bussa impaziente alla porta della tenda, apri la zip ed esci fuori, con gli occhi ancora mezzi chiusi e tanta voglia di far colazione. Senti il profumo dell’erba fresca e il caldo abbraccio dei primi raggi, che ti riempie di energia. Apri gli occhi e il lago è lì di fronte a te, specchio delle Dolomiti. Non vedi l’ora di vivere un’altra giornata immerso nella natura. È per questo che hai scelto una vacanza sul lago, ed è per questo che hai scelto il Trentino.

Lago di Garda, lago di Caldonazzo, lago di Ledro, lago di Molveno, lago di Tenno, lago di Levico… sono solo alcuni dei quasi 300 laghi trentini, molti dei quali balneabili e con aree dedicate al campeggio, con bungalow, piazzole e tanti servizi, dalle piscine alle aree wellness. Perfetti per un break nella natura, senza rinunciare alle piccole comodità che rendono la vacanza così rilassante.

Fonte: https://www.visittrentino.it

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti