Capodimonte, la mostra su Luca Giordano in anteprima su YouTube

Print Friendly, PDF & Email

Il Museo e Real Bosco di Capodimonte non si ferma e lancia l’anteprima della mostra Luca Giordano, dalla Natura alla Pittura sul canale YouTube del Mibact.



L’anteprima della mostra Luca Giordano, dalla Natura alla Pittura
, dedicata al più grande pittore del Seicento napoletano, è il nuovo contributo del Museo e Real Bosco di Capodimonte disponibile sul canale YouTube del MiBACT, dove dall’inizio dell’emergenza coronavirus i musei, i parchi archeologici e gli istituti autonomi statali stanno fornendo contributi audiovisivi di ogni genere per permettere alle persone di continuare a godere del patrimonio culturale nazionale.

Il lungo filmato, con descrizioni storico-artistiche, anche in lingua inglese, presenta uno spettacolare racconto per immagini del più grande e più prolifico pittore napoletano del ‘6oo: un bellissimo viaggio tra le opere di Luca Giordano, dalle Chiese di Napoli e non solo al Museo e Real Bosco di Capodimonte. L’esposizione, voluta da Sylvain Bellenger, direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte, con i curatori Stefano Causa e Patrizia Piscitello, di cui è stata posticipata l’apertura per l’emergenza sanitaria, ripercorre attraverso una selezione di circa 100 opere, gli stili e le maniere di “Luca fa presto”. La mostra, in parte, ora visibile virtualmente, sarà aperta appena le condizioni lo permetteranno.

Con questa iniziativa il Mibact, attraverso un impegno corale di tutti i propri istituti, mostra così non solo ciò che è abitualmente accessibile al pubblico, ma anche il dietro le quinte dei beni culturali con le numerose professionalità che si occupano di conservazione, didattica, tutela, valorizzazione. Attraverso il sito e i propri profili social facebook, instagram e twitter il Ministero rilancia le numerose iniziative digitali in atto.

Sulla pagina La cultura non si ferma del sito https://www.beniculturali.it/laculturanonsiferma, in continuo aggiornamento, sono inoltre già presenti diversi contributi dei luoghi della cultura statali.

Fonte: Mibact

 

Potrebbe interessarti:

  Destinazione Italia: 5 motivi per riscoprire Ravenna

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti