La Pasqua a Roma: un primo piatto della tradizione

Print Friendly, PDF & Email

Cosa si mangia a Roma il giorno di Pasqua? Vediamo la ricetta di un primo piatto dell’antica tradizione romana: il brodetto pasquale.


La Pasqua ci regala molti suggerimenti per porre attenzione a ricette della tradizione culinaria romanesca. Ricette popolari, veraci con prodotti semplici e di facile reperimento. Il digiuno e la moderazione che caratterizzano il periodo quaresimale lasciano il posto ai dolci tradizionali, alle uova, sode ed al cioccolato, e alle carni di agnello con tutta la loro simbologia religiosa di rinascita.

Con la primavera alle porte, è il momento giusto per portare in tavola il colore ed i sapori dei prodotti di stagione che si affacciano sui campi della campagna romana: carciofimelanzanecarote e, dai primi di aprile, piselliasparagifagiolinisedano e fragole!

In questo appuntamento, vogliamo essere tradizionalisti e proporvi una ricetta che difficilmente potrete gustare in trattoria, ma che sarà sicuramente un ottimo punto di partenza per un pranzo pasquale secondo la più antica tradizione romana dell’Ottocento: il brodetto pasquale.

Noi vi proponiamo la ricetta classica, un po’ laboriosa ma gustosissima, con l’aggiunta di alcuni versi dedicati a questo gustoso piatto: “il brodetto pasquale, è un brodo un po’ santo, è un brodo speciale de Pasqua sortanto: per questo è pasquale, infatti er sapore, dà pace  e conforto e solo l’odore risuscita un morto”.

Ingredienti e dosi per 4 persone: 

500 grammi di carne di manzo
500 grammi di petto o di spalla di agnello
6 tuorli d’uova
Succo di limone qb
Maggiorana fresca qb
Pepe bianco
Olio d’oliva extra-vergine
Pecorino romano Dop
Sale qb

Preparazione:

Preparare un brodo con 500 gr di carne di manzo. Dopo circa mezzora aggiungere nella pentola 500 gr di petto o di spalla d’agnello. Quando il brodo è pronto, sbattere nella terrina almeno sei tuorli di uovo, diluirli con del succo di limone continuando a sbatterli.

Mettere le uova battute in una casseruola capiente, versando lentamente del brodo caldo e continuando a mescolare con un cucchiaio di legno. Versata nella casseruola la quantità necessaria di brodo, portare il recipiente all’angolo del fornello, sempre mescolando, in modo che il brodo si faccia leggermente denso. Il calore non deve essere eccessivo ed il liquido non deve mai bollire.

Da ultimo si aggiunge un pizzico di maggiorana fresca ed un pizzico di pepe bianco. Abbrustolite alcune fettine di pane sottili, metterne 3 o 4 in una scodella e versarvi il brodetto lasciando cadere sopra una pioggia di pecorino romano dop.

Fonte: Comune di Roma

Potrebbe interessarti:

  Destinazione Italia: 5 motivi per riscoprire Ravenna

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti