Itinerario unico tra i castelli più belli d’Europa

Print Friendly, PDF & Email

5 castelli pin un unico viaggio? Sembra impossibile ma non lo è! Vi proponiamo un itinerario unico tra i castelli più belli d’Europa. Da non perdere il castello di Ambras con i dipinti di Tiziano e il castello della Bella addormentata nel bosco.


Cinque castelli in un unico viaggio. E per di più, low cost. È questa la proposta di Omio, la piattaforma di viaggio per cercare e prenotare treni, autobus e voli in Europa, rivolta a tutti i viaggiatori stanchi della vacanza canonica al mare, in montagna o in collina. Un itinerario attraverso quattro Stati europei per gli appassionati d’arte e di storia che non rinunciano ad un po’ di magia.

Che siano arroccati su imponenti montagne o incastonati in centro città, circondati da magnifici giardini o da foreste selvagge, i castelli sono da sempre fonte di stupore per grandi e piccini. Le loro torri, le loro mura monumentali offrono uno sguardo unico sul passato della nazione che li ospita. Raccontano di un tempo antico che sembra assumere i contorni della fiaba. L’Europa è piena di queste fortezze, un tempo difesa di principi e re, oggi custodi della loro storia e della loro leggenda. Bellezze architettoniche che spesso al loro interno celano opere d’arte dal valore inestimabile.

Non è facile decretare quali siano i castelli più belli d’Europa, meritevoli di una visita. Omio ci salva dall’imbarazzo della scelta e ne seleziona cinque che hanno il vantaggio di poter essere visitati tutti in un unico viaggio, a prezzi contenuti. Per sentirci principi e principesse almeno una volta nella vita.

1. Castello di Ambras, Austria

Il viaggio inizia dall’Austria. A pochi chilometri dal centro di Innsbruck, circondato da colline sinuose, sorge il castello di Ambras, tra le più importanti residenze asburgiche. Il castello è noto per essere stato il primo museo al mondo: merito dell’arciduca Ferdinando II, grande appassionato d’arte e mecenate, che trasformò la sua ricca collezione di armature, ritratti e rarità di ogni tipo in una Kunst-und-Wunderkammer, una camera delle meraviglie. L’esposizione attuale cerca di ricreare le diverse sale così come volute dall’arciduca: la Camera dell’Arte e delle Meraviglie, la Camera delle Armature e l’Antiquarium.

Le sorprese, per gli amanti dell’arte, non finiscono qui: il Castello custodisce una preziosa Galleria dei ritratti asburgici con capolavori di Tiziano, Velázquez, van Dyck e Rubens.

Oltre che scrigno d’arte, il Castello di Ambras è stato lo scenario di una splendida storia d’amore. Quella tra l’arciduca Ferdinando II e Philippine Welser, costretti a sposarsi in segreto perché la donna non era di famiglia nobile. Nonostante l’unione fosse disapprovata da tutti, Ferdinando II donò alla moglie un castello degno di una regina: il Castello di Ambras, dove la coppia visse felicemente, fino ad ottenere dal papa il riconoscimento del matrimonio. Con un’ambientazione così, il lieto fine è d’obbligo!

2. Castello di Neuschwanstein, Germania

Se chiudete gli occhi e pensate a un castello, vi verrà in mente lui: il Castello di Neuschwanstein, in Germania. Anche se non ci siete mai stati. Il motivo è semplice: questo è il castello che ha ispirato Walt Disney per la creazione del castello della Bella addormentata nel bosco, oggi riprodotto anche a Disneyland. Il castello delle fiabe per eccellenza, che è diventato per questo motivo una delle fortezze più famose al mondo, con fino a 6.000 visite ogni giorno. Venne fatto costruire nel 1868 da Ludovico II di Baviera nei pressi di Füssen, al confine con l’Austria. A incantare i visitatori non sono solo le dimensioni imponenti e le numerose torri (alcune alte anche 80 metri!), ma anche la posizione scenografica: il castello si erge solitario e maestoso in cima a una montagna, a un’altitudine di quasi mille metri, circondato da una lussureggiante foresta.

Se il Castello di Ambras testimonia una bella storia d’amore, il Castello di Neuschwanstein racconta l’ammirazione di Ludovico II per il compositore Richard Wagner, di cui era mecenate. Mentre progettava il castello, il re pensava all’amico che sperava di ospitarvi. In una lettera del 1864, gli descriveva così il luogo scelto come futura dimora:

È uno dei più belli che si possano trovare, sacro e inavvicinabile, un tempio degno di Voi, divino amico, che faceste fiorire l’unica salvezza e la vera benedizione del mondo.

Resta traccia di questa amicizia nei numerosi affreschi delle sale interne, che ritraggono alcune scene delle opere di Wagner.

3. Castello di Schleißheim, Germania

La cittadina di Oberschleißheim, a circa 25 km a nord di Monaco, è famosa per ospitare il castello di Schleißheim, tra i più imponenti castelli della Baviera. Un sontuoso complesso architettonico che in realtà comprende ben tre castelli: il castello vecchio, eretto da Guglielmo V nel 1597,  il castello nuovo o “Neues Schloss” e il castello di Lustheim.

Il Neues Schloss, il più bello e grande, fu commissionato dal principe elettore Max Emanuel con lo scopo ambizioso di eguagliare Versailles in grandezza e sfarzosità. Oggi ospita una galleria di dipinti barocchi che annovera i quadri di Rubens e Van Dyck. Intorno al castello si apre uno dei più importanti giardini barocchi della Germania, con sculture e giochi d’acqua.

Il castello di Schleißheim ha il potere di portarci indietro nel tempo: una qualità che non è sfuggita al regista Paul W. S. Anderson, che proprio qui ha girato il film I tre moschettieri (2011) con Milla Jovovich, Orlando Bloom e Christoph Waltz.

4. Castello di Praga, Repubblica Ceca

Un castello diverso dagli altri, il castello di Praga. A partire dalla sua collocazione: non al di fuori della città, su una rocca isolata, ma nel cuore del centro storico della capitale ceca. La sua costruzione risale al IX secolo, è stato per secoli la dimora dei regnanti boemi. Dal 1918 è la residenza del Presidente della Repubblica e un momento iconico come pochi.

Con i suoi 70.000 metri quadrati di superficie, il complesso fortificato è il più grande castello a corpo unico del mondo. Al suo interno racchiude un piccolo mondo: la Cattedrale di San Vito in stile gotico, l’Antico Palazzo Reale, la Basilica di San Giorgio e il Vicolo d’Oro, famoso per le sue case colorate e per i numerosi negozi di artigianato. Il castello è situato in posizione sopraelevata rispetto al resto della città ed è raggiungibile a piedi o con il tram.

5. Castello di Peleș, Romania

C’è un solo castello in Romania ben radicato nell’immaginario collettivo: è il Castello di Bran, altrimenti noto come il Castello di Dracula, dimora del più famoso vampiro di tutti i tempi. Ma ce n’è almeno un altro, non lontano dal primo, che meriterebbe di rientrare nelle rotte dei viaggiatori. Stiamo parlando del Castello di Peleș, gioiello della Romania, tra i più bei castelli d’Europa. Fu costruito a fine Ottocento per volere di re Carlo I, che intendeva farne la sua residenza estiva.  Attualmente trasformato in museo, ospita una delle collezioni di pittura più importanti d’Europa.

A metà tra uno chalet svizzero e un castello delle fiabe dei Grimm, Peleș è distante anni luce dalle atmosfere spettrali della Transilvania. Gli interni sono decorati con gusto e raffinatezza: vetrate con scene di favole tedesche, lampadari in vetro di Murano, intagli in legno pregiato e oro, porcellane di Sèvre e sculture in avorio ci fanno capire perché questa fosse la residenza prediletta della famiglia reale.

 

Potrebbe interessarti: 

 Pasqua 2019 a Vienna: 4 mercatini da non perdere 
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti