Estate 2020: come stanno organizzando le vacanze gli italiani

Print Friendly, PDF & Email

Il 37% di chi andrà in vacanza sceglie l’hotel, il 30% la casa in affitto e il 23% la seconda casa. Sostenibilità, rispetto delle distanze e utilizzo degli oggetti personali le motivazioni principali per preferire le vacanze a contatto con la natura.


È iniziata la fase 2 e per molti italiani questo vuol dire rientro al lavoro. Ma il pensiero di tanti, in smart working e non, già da alcuni giorni è rivolto alle tanto desiderate ferie. Per capire come gli italiani si stiano organizzando le vacanze estive o come procederanno qualora ne avessero la possibilità, YouGov ha realizzato un sondaggio per ManoMano.it.

La pandemia ha avuto un impatto sui nostri acquisti durante la quarantena e avrà effetti su durata e destinazione dei nostri viaggi. Sempre nel rispetto delle indicazioni, che impongono turismo di prossimità, distanziamento e mascherine, quest’estate, se ne avrà la possibilità, il 31% degli italiani farà almeno una o due settimane di vacanze. E anche se non si potrà permettere lunghe permanenze, il 30% degli italiani si accontenterà di fine settimana fuori porta o brevi soggiorni, da trascorrere, necessariamente, in Italia. Infatti, chi è abituato a visitare Paesi lontani, quest’anno dovrà preferire le vicine regioni italiane. Un modo sicuramente efficace per sostenere il settore del turismo, una filiera che rappresenta circa il 13% del PIL italiano (dati WTTC) e che negli ultimi mesi ha subito perdite per miliardi di euro, e rilanciare l’economia del nostro Paese.

Fra le opzioni da prendere in considerazione anche le vacanze a contatto con la natura: per 2 persone su 3 un’ottima alternativa all’hotel, nel rispetto delle distanze sociali e al fine di evitare luoghi affollati, mentre per il 41% degli italiani sinonimo di maggiore sicurezza dal punto di vista igienico-sanitario, grazie all’utilizzo di oggetti e attrezzature proprie. Il 51% degli italiani dichiara, infatti, di essere disposto a considerare questo tipo di vacanza per brevi soggiorni e, per quanto riguarda la meta, 1 persona su 2 predilige il mare. A seguire la montagna (36%) e i parchi nazionali o le riserve naturali (31%). Per le vacanze nella natura, la tenda viene ritenuta indispensabile per lo più dalle fasce d’età più giovani, mentre i 55+ prediligono camper e roulotte, così come il sacco a pelo, il materasso gonfiabile e il fornello elettrico.

Da non sottovalutare anche l’impatto sull’ambiente: 3 persone su 4 ritengono che le vacanze a contatto con la natura permettano di fare le vacanze in modo ecosostenibile. Nell’ultimo anno è cresciuto l’impegno personale (sondaggio di YouGov per ManoMano.it – marzo 2020), un trend supportato dalla diffusione del lavoro in smart working, che favorisce comportamenti più sostenibili, riduce l’inquinamento dovuto agli spostamenti e permette di prestare più attenzione alle proprie abitudini.

 

Potrebbe interessarti:

Rapporto UNWTO. Il 100% delle destinazioni globali ha restrizioni da Covid-19
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti