A Bassano le visioni e i sublimi sogni di Giambattista Piranesi

Print Friendly, PDF & Email

Dal 20 giugno al 19 ottobre in mostra a Bassano del Grappa il genio di Giambattista Piranesi, il più grande esponente dell’incisione veneta del Settecento e “architetto senza tempo”, in occasione del terzo centenario della nascita.


Le sue visioni e i suoi “sublimi sogni” – come li definiva lo scrittore Horace Walpole consigliandoli vivamente ai suoi studenti – e le sue “scene… impensabili perfino nelle Indie”. E poi “i suoi palazzi sopra ponti, templi sui palazzi” e il suo scalare “il cielo con montagne di edifici”. Il genio di Giambattista Piranesi, “architetto senza tempo”, è al centro di una grande ed esaustiva mostra a Bassano del Grappa dal 20 giugno al 19 ottobre in occasione del terzo centenario della nascita (1720).
L’incredibile potenza grafica ma anche l’inquieto onirismo dell’artista di origini venete ma romano d’adozione, che conta a Bassano circa 570 opere, viene esposto nel quarto e quinto piano di Palazzo Sturm, spazi destinati alle esposizioni temporanee, inaugurati dopo l’ultima campagna di restauro, con la mostra di un altro gigante dell’incisione mondiale, Albrecht Durer.La mostra – a cura di Chiara Casarin e Pierluigi Panza – propone tutti i capolavori grafici di Giambattista Piranesi patrimonio delle raccolte bassanesi. Un corpus completo che comprende incisioni sciolte e molte altre racchiuse in volumi ai quali si aggiunge la serie completa delle Carceri d’Invenzione proveniente dalle collezioni della Fondazione Giorgio Cini di Venezia.”Il patrimonio conservato nei nostri Musei Civici non cessa di stupirci – spiega Elena Pavan, sindaco di Bassano del Grappa – il desiderio di aprire i nostri archivi e di valorizzare le nostre collezioni nascoste ci permette ora, per la prima volta nella storia dei nostri musei, di ammirare i capolavori grafici di Piranesi e di coglierne il genio artistico e la straordinaria abilità nella tecnica incisoria”. “Giambattista Piranesi. Architetto senza tempo è la mostra completa delle incisioni piranesiane conservate a Bassano – secondo Chiara Casarin, curatrice della mostra – una mostra che risponde alla volontà di esporre al pubblico i tesori conservati nella sala stampe e negli archivi della Biblioteca e che conferma, ancora una volta, quanto l’insegnamento degli antichi sia vivo nell’arte contemporanea”.

La mostra che i Musei Civici di Bassano dedicano al genio di Piranesi – aggiunge l’altro curatore Pierluigi Panza – testimonia un importante progresso nello studio delle collezioni permanenti della città e consente di sottolineare alcune precisazioni sulle vicende biografiche dell’artista e della sua famiglia”. Due video approfondiscono il percorso espositivo e narrano il successo di Giambattista Piranesi all’estero, i punti salienti della vita dell’artista a partire dal ritrovamento dell’atto di battesimo: The Lumière Mystérieuse, scritto e diretto da Massimo Becattini e Giovan Battista Piranesi 1720-1778, realizzato in occasione della grande mostra dedicata all’artista nel 1978 dalla Fondazione Giorgio Cini di Venezia. A completamento il film che Factum Arte ha realizzato in occasione della mostra Le arti di Piranesi. Architetto, incisore, antiquario, vedutista, designer, organizzata dalla Fondazione Giorgio Cini nel 2010 e che ricostruisce tridimensionalmente ogni ambiente delle 16 tavole delle Carceri.

Disegnatore, incisore, antiquario e architetto, Piranesi è considerato il più grande esponente dell’incisione veneta del Settecento. Giunto a Roma ventenne, iniziò la produzione delle celebri Vedute di Roma, raffiguranti ruderi classici e monumenti antichi, tra cui quelle presenti nelle collezioni di Bassano del Grappa. Creatore di un unico edificio, la chiesa di Santa Maria del Priorato a Roma, ha influenzato l’opera di architetti ma anche scenografi, pittori, poeti e scrittori. Tra i molti Marguerite Yourcenar volle dedicargli una biografia dove, a proposito delle Carceri scrive che si tratta di “una delle opere più segrete che ci abbia lasciato in eredità un uomo del XVIII secolo”.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

  In Abruzzo lungo il Cammino dei Briganti

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti